Grassano, il bilancio del sindaco Sanseverino dopo aver ospitato gli atleti americani del Minibasket

grassano-new-york thumb_medium380_0

“Si sono appena spenti i riflettori sul torneo internazionale di Minibasket in Piazza a Matera e Grassano – racconta il sindaco Francesco Sanseverino – un evento che ha visto la partecipazione di numerose squadre provenienti da città italiane e dal resto del mondo, ma non si sono affievolite, invero, le emozioni di chi ha partecipato alla vicenda di questo fantastico torneo sportivo per bambini ed in particolare della comunità e delle famiglie di Grassano che hanno ospitato ed accompagnato le giornate vissute, in mezzo a noi, dalla delegazione di New York. Al di là del risultato sportivo merita di essere evidenziato il messaggio ideale che accompagna il torneo di Minibasket in Piazza: lo sport come mezzo di partecipazione, di conoscenza, di amicizia, di rispetto delle regole, di superamento di barriere e pregiudizi legati a nazionalismi, lingua, razza e religione. In definitiva si assiste a una festa, che attraverso una sana competizione di questi mini-atleti, coinvolge tutti nell’ottica di promozione di una società in cui, “abbattendo i muri”, ci sia posto per tutti. Credo che la comunità di Grassano ha contribuito con entusiasmante partecipazione alla riuscita di questo evento portando alla ribalta del torneo l’insolita iniziativa di presentare una squadra composta da atleti newyorkesi e grassanesi riuscendo, se così si può dire, a catalizzare l’attenzione e la curiosità di tutti. Non posso quindi che ringraziare di vero cuore tutti coloro, i tanti grassanesi e newyorkesi , che hanno contribuito alla realizzazione di questa bella avventura. Certamente sarà questa una esperienza da replicare e non potrà che rinsaldare i legami con la comunità di New York e con il sindaco De Blasio per possibili progettualità da mettere in campo per la promozione di Grassano, della città di Matera e della regione Basilicata. Per noi questa esperienza significa voler sostenere anche dall’entroterra il progetto Matera 2019. Era un’occasione da non perdere ed era dunque necessario iniziare ad aprire un canale di collegamento con New York e ci siamo riusciti nonostante le difficoltà. Devo dire che ha funzionato tutto bene, come i ragazzi, anche l’intera amministrazione ha lavorato di squadra. Una esperienza indimenticabile che ha coinvolto tutta la comunità, anche chi non ha operativamente partecipato, ma la visibilità mediatica che Grassano ha avuto nella nostra Regione e Oltreoceano in questi ultimi dieci giorni attraverso i giornali, televisioni e persino una diretta radiofonica con Radio ICN New York appoggiata a Radio Activity, è stata davvero straordinaria. Rispetto a come sono andate le cose, dato il ricco programma, anche dal punto di vista economico abbiamo ottenuto il massimo dell’obiettivo prefissato con una spesa minima grazie soprattutto al sacrificio dei genitori, di molti cittadini, delle associazioni sportive Polisporting 2M, FC Grassano Calcio, Asd Polisporting, dalla Pielle Matera, e di volontariato l’Auser, il Comitato Feste Popolari, la Crassanum, delle strutture turistico ricettive, della ditta di autotrasporti Nolè, ed infine alla disponibilità personale degli amministratori che non hanno fatto mancare niente agli ospiti”. Gli americani sono andati via da Grassano con la promessa di ritornare anche l’anno prossimo.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information