Potenza, il 30 sarà ricordata la figura e l’opera di Tommaso Morlino

locandina

Venerdì 30 giugno alle 16.00 a Potenza nel Museo Provinciale – Sala Lacava – sarà ricordata la figura e l’opera di Tommaso Morlino.   Nato a Irsina il 26 agosto 1925 e laureatosi in Giurisprudenza nel 1946, iniziò la sua brillante carriera nel 1948 entrando nell’Avvocatura Generale dello Stato. Compì il noviziato politico a Napoli nelle fila del movimento giovanile della DC, di cui fu dirigente nazionale. Nel 1968, su sollecitazione di Aldo Moro, si presentò per il Senato nel Collegio di Lecco, i cui elettori lo confermarono senatore nel 1972, nel 1976 e nel 1979. Ricoprì numerosi incarichi ministeriali: Sottosegretario per il bilancio e la programmazione; Ministro per le Regioni nel governo Moro; Ministro del Bilancio con incarico di Ministro per le Regioni; Ministro di Grazia e Giustizia. Nel 1982 fu eletto Presidente del Senato. Il 6 maggio 1983 morì a Palazzo Giustiniani a causa di un collasso cardiocircolatorio. “Uomo del Sud”, come amava definirsi, Morlino espresse un forte impegno meridionalistico, mantenendo viva l’attenzione della classe politica nazionale sul problema della dicotomia Nord – Sud, insistendo sull’obbligo morale di adottare provvedimenti che incidessero sugli aspetti strutturali del divario tra le due parti del Paese. Egli riteneva che, in quella fase dello sviluppo economico italiano, fosse necessario considerare agricoltura e Mezzogiorno come facce di uno stesso problema.  Il convegno è organizzato dal Circolo Silvio Spaventa Filippi che, oltre ad avere una sezione specifica di Economia Politica e Diritto dell’Economia intitolata al Senatore Morlino all’interno del Premio Letterario Basilicata, conserva a Potenza, nella sede dell'associazione in Corso Vittorio Emanuele II 2/3, la biblioteca dell’insigne uomo di Stato donata dalla famiglia in memoria del forte legame che egli ha sempre mantenuto con la Basilicata, con la sua storia e la sua realtà sociale. Numerose le autorità che prenderanno parte ai lavori: Vito De Filippo, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; Giampaolo D’Andrea, Capo di Gabinetto al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Romualdo Coviello, Docente di Economia Agraria; Adriano Giannola, Presidente della SVIMEZ; Domenico Ciruzzi, Presidente dell’Unione delle camere penali italiane. A coordinare gli interventi sarà l’Avvocato Aldo Morlino. Le conclusioni saranno affidate al Ministro della Giustizia Andrea Orlando.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information