Potenza, domani il Circolo Silvio Spaventa Filippi presenta "Un fiore di bellezza tra i briganti"

 

alt

Il Circolo Silvio Spaventa Filippi organizza domani, venerdì 7 luglio, alle 18.30 a Potenza nel Ridotto del Teatro Stabile la presentazione del volume di Serena Carrano "Un fiore di bellezza tra i briganti.  Maria Rosa Marinelli" Erreci Edizioni.

L'iniziativa è inserita nel cartellone di eventi "Estate in Città 2017" promosso dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Potenza.

Interverranno: Santino Bonsera, Presidente del Circolo Silvio Spaventa Filippi e curatore dell'introduzione al libro; Nicola Lisanti,  storico e giornalista; Angela Maria Salvatore, Direttore della Rivista Leukanikà e responsabile della comunicazione del Circolo e del Premio Letterario Basilicata.  Sarà presente l'autrice. 

Serena Carrano,  laureata in scienze dell'educazione,  è coordinatrice di una cooperativa sociale. Ha all'attivo svariate ricerche sulla presenza dei Punjabi in Val d'Agri, ed è in corso di pubblicazione un testo sugli insediamenti Sikkim in Val d'Agri. La protagonista dell'opera di Carrano è Maria Rosa Marinelli, affascinante diciottenne di Acquatiepida un villaggio nei pressi di Marsico Nuovo, che per un triennio fece parte di una delle più feroci bande brigantesche della Lucania postunitaria: la banda di Angeloantonio Masini e di suo cugino Nicola.

Maria Rosa Marinelli, la brigantessa dal cuore tenero e dallo sguardo deciso, nel libro è descritta come "un fiore di bellezza" da Enrico Rossi Pani, consigliere di prefettura che la conobbe durante il processo al Tribunale di Guerra di Potenza.

Il libro di Serena Carrano è il frutto di un approfondito lavoro di ricerca d'archivio che mira a recuperare aspetti marginali della storiografia tradizionale sul brigantaggio. Pochi e fugaci, infatti, sono i ragguagli biografici sulle brigantesse che, nella maggior parte dei casi, ricoprivano all'interno delle bande ruoli maschili, e negli scontri non erano meno efferate degli uomini.

Le vicende e le figure descritte nel saggio di Serena Carrano sono lontane da tesi precostituite e non concedono spazio all'enfasi femminista, ma rispondono a una precisa esigenza di ricostruire uno spaccato di storia del Mezzogiorno e della Basilicata sulla base di specifici documenti.  In appendice al libro,  infatti,  è presente la "difesa innanzi il Tribunale di Guerra di Potenza del Sottotenente Antonio Polistina."

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information