Gli iPost arrivano a Firenze

Il 5 Dicembre gli iPost si esibiranno alla Citè Libreria di Firenze, in un concerto eclettico e divertente, subito dopo la presentazione della rivista Collettivomensa. Il duo lucano, composto da Vincenzo Grieco, bassista, ed Emiliano Pucciarelli, tastierista ed iPhonista, è alla sua quarta esibizione live, ma ha già fatto parlare di loro per la novità che rappresentano nello scenario italiano. Dopo aver militato per anni in diverse band potentine, i due musicisti si sono incontrati due anni fa a Roma, dal loro incontro è nato iPost. "L'idea iPost nasce nel modo in cui nascono tutte le idee, - spiegano Emiliano Pucciarelli e Vincenzo Grieco - da una forte volontà. Più precisamente, dal sogno simmetrico di due persone che per anni hanno passeggiato sulla stessa strada ma su marciapiedi opposti, stessa direzione e stessa velocità, per lungo tempo, ora qualcuno dei due ha attraversato la strada e ha raggiunto l'altro. Ci siamo accorti di avere le stesse preferenze e simili ambizioni. Dopo qualche tempo di cammino la nostra si è trasformata in una corsa, uno slancio in avanti verso il prossimo “Post”, una caccia sfrenata e divertente la cui preda è la sperimentazione." Le loro performance nascono da una forte intesa musicale e sembrano essere dettate dall'improvvisazione, che diventa regola, la struttura della destrutturazione. "Nasce tutto dall'adrenalina pura - continua il duo lucano - e nessuna dicotomia tra gli strumenti, il “senso” nelle nostre cose è godere. Prima dell'idea, c'è l'ammirazione per quello che stiamo facendo, solo dopo si dà spazio a quel movimento, che resta perenne, e si agita e ci agita sino alla completezza del pezzo ed alla nostra soddisfazione. Non esiste differenza tra basso e iphone o tastiere, o basi Techno, Funky, Bangra, o Disco, non ha importanza, se il movimento ci dilania dallo squarcio fuoriesce musica, nulla è pronto o preparato, tutto è rigorosamente creazione." Certo non siamo abituati a vedere un iPhone ad un concerto, anche se non è la prima volta che se ne sente parlare, come nel caso del concerto per orchestra e iPhone del 2009. Ma su questo ci scherzano anche su, infatti alla domanda "perchè pensate che gli iPost siano una cosa nuova?", Emiliano Pucciarelli risponde: "Non certo perché suono un iPhone, ma soprattutto per quello".

 

 

Sacha Biazzo

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information