Adduce: la classifica del Sole24ore riguarda le province e non i capoluoghi

L'intervento in consiglio comunale del sindaco sui dati del Sole24ore

clicca QUI per il video 


“E’ pericoloso e fuorviante leggere, come ha fatto “La gazzetta del Mezzogiorno” oggi, i dati molto preoccupanti contenuti nel dossier pubblicato dal Sole24Ore lunedì scorso sulla qualità della vita in Italia per descrivere in negativo la situazione socio-economica della città di Matera. Troppa leggerezza insieme alla voglia di trovare pretesti per costruire servizi giornalistici particolarmente allarmanti provocano gravi errori. E’ sbagliato ragionare per teoremi. In modo particolare è molto pericoloso per chi si occupa di informazione”. Lo afferma il sindaco di Matera, Salvatore Adduce.

“L’inchiesta annuale del quotidiano finanziario è riferita alle province italiane e non alle città e, quindi, le conseguenti classifiche sono riferite non ai capoluoghi di provincia, ma ai territori provinciali. L’intera impalcatura dell’inchiesta – afferma Adduce - si muove su una rilevazione di dati riferiti alle province e dunque in Basilicata all’intera Provincia di Potenza e all’intera provincia di Matera. Non che quei dati non ci riguardino o ci trovino indifferenti. Tutt’altro. Contengono anche la città di Matera. Tuttavia, un rapido approfondimento potrebbe riservare delle sorprese. Ad esempio sul turismo, visto che dopo il record del + 22% del 2010 sul 2009, quest’anno siamo ad un +15%  di presenze di turisti a Matera rispetto all’anno scorso. A tal proposito, visti i dati allarmanti del Sole24Ore , bisognerebbe interrogarsi cosa è successo nel frattempo nelle altre zone turistiche della provincia. Né è necessario applicarsi troppo sul tema dei rifiuti se consideriamo la molto diversa situazione che abbiamo a Matera rispetto a  Potenza.

Anche sulle politiche sociali ed in particolare sugli asili nido ci sono stati miglioramenti della situazione già soddisfacente. Lo stesso vale per le fasce deboli, anziani, disabili, ecc.

Anche sulla cultura Matera nell’ultimo anno ha registrato una crescita robusta. Basti pensare a quanta produzione è stata realizzata sul fronte dei Musei, con un impegno straordinario della Soprintendenza, le iniziative legate al 150° dell’Unità d’Italia, la buona produzione di iniziative musicali, cinematografiche, teatrali, letterarie.

Ovviamente – continua il sindaco - questo non significa che non ci siano situazioni da migliorare a Matera città. E per quel che ci riguarda ci stiamo muovendo in questa direzione, consapevoli delle nostre responsabilità. Spiace, infine, rilevare come il quotidiano abbia fatto incorrere in errore anche alcuni intervistati che in buona fede hanno commentato dati senza sapere che non si riferivano solo alla città di Matera”.

In merito alla presunta esclusione dal percorso di candidatura del Conservatorio di Matera segnalata sulla “Gazzetta” dal suo direttore, Saverio Vizziello, il sindaco precisa che “questa sfida è aperta al contributo volontario di tutti coloro che vogliono impegnarsi per la crescita della città. A tal proposito il comitato scientifico di Matera 2019 ha già programmato una serie di iniziative per coinvolgere più direttamente anche le scuole e il prestigioso Conservatorio Duni”. 

L’ufficio stampa

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information