Luca Braia su partecipazione alla Festa Nazionale PD a Terni

 


Porre la "responsabilità"  al centro dell'azione e della proposta politica del PD in futuro è la sintesi migliore con la quale poter descrivere il dibattito a cui ho partecipato ieri a Terni all'interno della Festa Nazionale  del Partito dedicata  alla Pubblica Amministrazione sul tema " La protezione civile che serve all'Italia ".

Gli interventi del prefetto Gabrielli, del Presidente dell'Emilia Romagna Vasco Errani, ultima regione colpita al sisma in Italia e  del sindaco  di L'Aquila Massimo  Cialente , hanno portato testimonianze importanti utili  a comprendere  anche gli impatti che la nuova legge sulla protezione civile , la n. 100 del 2012 , sta avendo in relazione alle sue ridefinite competenze ed alla efficacia delle riorganizzate modalità di attivazione degli strumenti amministrativi e di governo finalizzate a rispondere più efficacemente a quello stato di emergenza che qualsiasi evento che colpisce una popolazione e un territorio impone ad una nazione che vuole definirsi civile e solidale.

Concentrare la competenza della protezione Civile sulle attività tipiche dell'emergenza, come impone  la nuova legge, eliminando la possibilità di gestire grandi eventi  tipo il campionato mondiale di ciclismo, le olimpiadi a Torino nel 2006 o i mondiali di nuoto di Roma 2009, come avvenuto in passato, fà chiarezza sui ruoli e sulle funzioni  e di conseguenza concentra l'attenzione su funzioni specifiche  che però ritengo non possono limitarsi  a queste ma  devono riguardare anche le attivitá di previsione, prevenzione e controllo delle applicazioni di norme per la definizione di modelli comportamentali che devono diventare con il tempo patrimonio culturale di ogni cittadino italiano.

Giudicati molto positivi gli inserimenti  nella nuova  legge sia di una tempistica definita  di massimo 150 giorni per lo stato di emergenza (il cui riconoscimento da oggi in poi sarà molto più selettivo) che deve però comprendere la riattivazione dei servizi minimi di pubblica utilità, l'eliminazione dalle strette del patto di stabilità  di tutte le spese che gli enti locali sono costretti ad effettuare  per far fronte all'emergenza e l'introduzione di un obbligo per la pubblicazione su internet di tutte le procedure di affidamento messe in campo per l'acquisto di materiali, strumenti e servizi  al fine di dare massima trasparenza ad azioni che , essendo svolte in presenza  di stato di emergenza, possono essere attivate con la massima celerità senza i vincoli classici degli appalti pubblici.

Sono stati però  gli aspetti legati alla "previsione" e  soprattutto alla  "prevenzione"  che hanno catalizzato buona parte del dibattito e ritengo debbano meritare la maggiore attenzione  anche in Basilicata per il futuro, in quanto, come emerso chiaramente dal confronto, ad una preoccupante quanto diffusa mancanza di  conoscenza delle procedure tra cittadini e anche tra i funzionari degli enti locali, si aggiunge una modalità di comportamento inadeguato dei cittadini rispetto ai grandi rischi sismici e di dissesto  idrogeologico a cui il nostro paese è sottoposto.

È ancora una volta la responsabilità ed una evoluzione culturale radicale che può salvare il nostro straordinario ma fragile territorio da fenomeni per certi versi imponderabili come terremoti, alluvioni ed incendi  ; processo lungo e difficile che per conoscenza, competenza, risorse umane ed economiche potenzialmente disponibili, ritengo devono essere realizzate dalle regioni, ma  coordinate e definite dalla  Protezione Civile Nazionale,  per effetto della diretta connessione che  la stessa ha con la presidenza del consiglio dei Ministri .

La tesi del Presidente Errani di varare a livello Nazionale un grande piano per la messa in sicurezza del territorio e del patrimonio immobiliare , incentivandolo fiscalmente , a partire da quello pubblico ed artistico , è condivisibile sotto ogni aspetto , da quello politico, a quello  economico ed istituzionale, in quanto  può consentire contemporaneamente il rilancio del settore edilizio, che da sempre è il traino dell'economia, proteggere meglio le comunità  limitando il grave problema legato al  consumo di suolo.

La realizzazione infine di un grande sistema informativo Nazionale da rendere fruibile  in ogni centro Funzionale  Regionale, gestito  dalla protezione civile, dotato di informazioni da aggiornare continuamente  e di dati storici per i raffronti, di tipo cartografici, topografici , satellitari  da mettere a disposizione gratuitamente di chi è preposto a fare pianificazione e manutenzione del territorio è stata una naturale richiesta che ho posto  al Prefetto Gabrielli.

A tal proposito va registrato l'impegno del  PD Nazionale e del capo della protezione civile a  spingere il governo  nazionale presente e futuro a realizzare tale infrastruttura tecnologia alla luce degli enormi investimenti fatti dall'ASI per esempio nella missione  satellitare Cosmo Sky Med insieme alla presa d'atto dell'esistenza in Basilicata  di un Polo industriale specializzato, legato al settore dell'Osservazione della Terra,  composto da soggetti  pubblici, come appunto l'ASI, il CNR e dal consorzio TERN al cui interno ci sono importanti player industriali privati come Createc e E-Geos che possono aiutare  in maniera determinate alla realizzazione di tale infrastruttura ed alla sua necessaria manutenzione ed evoluzione a beneficio dell'Italia e non solo.

                                  capogruppo PD Regione Basilicata 
                                             Luca BRAIA 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information