Cara Provincia di Matera ti dico addio

 

la stroia_non_si_cambia

IL TEMPO E’ UN FATTORE DETERMINANTE PER RISOLVERE I PROBLEMI

La cancellazione della provincia di Matera preoccupa molti politici, ma soprattutto potrebbe annullare tutto il lavoro svolto dal presidente Stella

 

di Rosita Stella Brienza

Le 31 perle della provincia materana, ognuna rappresentata dai propri sindaci, insieme al presidente della provincia di Matera Franco Stella, al sindaco dell’omonima città Salvatore Adduce, al presidente della regione De Filippo, ai parlamentari e senatori regionali, alle forze sindacali, ai membri della conferenza episcopale della regione Basilicata e alla cittadinanza si sono riunite presso il cinema comunale per lavorare insieme e trovare la soluzione più adeguata per salvare la provincia di Matera. E in uno spirito di comunione e di dialogo sono prevalse le ragioni e il buon senso al fine di garantire l’unità e la pace. Come sul palco hanno fatto scena i 31 gonfaloni, così la platea ha fatto la sua bella figura con il tutto pieno. Dopo i saluti affidati a Don Filippo Lombardi (in mattinata c'è stata anche la visita del vescovo di Matera, Salvatore Ligorio), ha fatto seguito l'intervento del sindaco di  Matera, Salvatore Adduce, che ha ribadito essere giunto il tempo idoneo per la protesta e per fare le proposte più giuste. “ C’è chi dice che questa crisi è persino più grave di quella del 1929, ma soprattutto siamo di fronte ad un gravissimo problema che si intreccia con la crisi economica…la politica deve dare dei buoni esempi.

sindaci provincia_matera

” Poi ribadisce la questione legata al tempo più giusto per risolvere un problema “a chi sostiene che ci stiamo organizzando fuori tempo rispondo con assoluta certezza che è sbagliato dire ciò. Oggi è il tempo della decisione. Oggi, dopo che il governo ha manifestato la sua intenzione è giunto il tempo di manifestare in maniera forte. Oggi il decreto è all’esame del sanato e poi della camera. Oggi è il tempo giusto e non siamo né in anticipo e né in ritardo.” Il secondo intervento è stato quello del sindaco di Cirigliano, il comune più piccolo della provincia di Matera. Ha definito "un papocchio" il progetto del Governo. L’intervento conclusivo è stato quello del presedente della provincia Franco Stella "Questo territorio è forte se rimane unito, conta se rimane tale…la Provincia di Matera vuole continuare a svolgere la sua funzione democratica e di presidio per i cittadini e va difesa. E nessuno pensi che la difesa sia finalizzata alla protezione di carriere politiche…la provincia non è importante per il presidente  Franco Stella che è a fine mandato…molti comuni, della Puglia e della Calabria, hanno chiesto di incontrarci per entrare nella sfera territoriale di Matera, non siamo certo noi che dobbiamo lasciare casa nostra. Casa nostra è qui". Da questa mattinata di lavoro emerge con preoccupazione che qualora la provincia di Matera sparisse, quella di Potenza diventerebbe la prima provincia Italiana per dimensione territoriale con una superficia estesa su 10.000 kilometri quadrati: pari al doppio della superficie della Liguria. Ciò significa che la regione Basilicata, se analizzata dal punto di vista della sua dimensione territoriale, dovrebbe avere ben quattro provincie. Allora il decreto va discusso con forza per fare emergere le motivazioni più giuste e difendere una regione come la Basilicata ricca di ogni risorsa

.

Manifestazine per la provincia di Matera con tutti i comuni della provincia e politici locali

 

 

 

Consiglio comunale con tutti i comuni della Provincia

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information