CGIL: Oggi a Matera raccolta firme "Campagna per la Legalità economica"

cgil

Dopo la manifestazione che si è tenuta il 16 marzo u.s. a Firenze, per ricordare le vittime innocenti delle mafie, continua l’impegno della CGIL per la “Campagna per la Legalità economica” e per raccogliere le firme sulla legge di iniziativa popolare per favorire l’emersione alla legalità e la tutela dei lavoratori delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata. Per questo nella giornata del 30 aprile, data nella quale cade il 31° anniversario del barbaro assassinio di Pio La Torre, colui che per primo si impegnò per l’ottenimento di una legge che fosse di contrasto alla criminalità organizzata prevedendo confisca e sequestro di beni mafiosi, ci sarà la giornata nazionale di raccolta straordinaria delle firme per la legge di iniziativa popolare per favorire l’emersione alla legalità e la tutela dei lavoratori delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata.

Anche a Matera, in piazza V. Veneto, il banchetto della CGIL sarà presente per la raccolta delle firme dalle ore 18.00 alle ore 20.30.

Contemporaneamente, da parte della FP CGIL Matera si procederà anche alla raccolta delle firme per le tre proposte di legge di iniziativa popolare che hanno l’obiettivo di:

  • introdurre il reato di tortura nel codice penale;

  • modificare la legge sulle droghe e così diminuire l’impatto penale che grava sul sistema carcerario;

  • far rispettare la legalità e la Costituzione nelle carceri con interventi per i diritti dei detenuti e la riduzione del sovraffollamento.

  • La campagna pubblica “Tre leggi per la giustizia e i diritti”, oltre che dalla CGIL e dalla Funzione Pubblica, è promossa e sostenuta anche dalle seguenti associazioni:

    A Buon diritto, Acat Italia, Adu, A Roma, insieme-Leda Colombini, Antigone, Arci, Associazione Federico Aldrovandi, Associazione nazionale giuristi democratici, Associazione Saman, Bin Italia, Conferenza nazionale volontariato giustizia, Cnca, Coordinamento dei Garanti dei diritti dei detenuti, Fondazione Giovanni Michelucci, Forum Droghe, Forum per il diritto alla salute in carcere, Giustizia per i Diritti di Cittadinanzattiva Onlus, Gruppo Abele, Gruppo Calamandrana, Il detenuto ignoto, Itaca, Libertà e Giustizia, Medici contro la tortura, Naga, Progetto Diritti, Ristretti Orizzonti, Società della Ragione, Società italiana di Psicologia penitenziaria, Unione Camere penali italiane, Vic - Volontari in carcere.

    Si tratta di battaglie di civiltà con cui si mette in luce che la giustizia è uguale per tutti e che il rispetto reciproco e la legalità sono il fondamento del vivere civile.

     

    We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

    I accept cookies from this site.

    EU Cookie Directive Module Information