“Ipotesi cementificio/inceneritore, sindaco e Giunta si impegnino per un monitoraggio costante"

alt

Riceviamo e pubblichiamo dai consiglieri comunali Paolo MANICONE – Enzo ACITO (primi firmatari) - Angelo COTUGNO - Vito TRALLI - Doriano MANUELLO – Alessandro TORTORELLI - Marco D’ANDREA – Angelo TOSTO:

“L’ ITALCEMENTI SpA, in data 17/05/2013, ha presentato alla Regione Basilicata, Ufficio di Compatibilità Ambientale del Dipartimento Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità, istanza di Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) relativa al progetto di recupero di rifiuti, come combustibile,  per la sede di  Matera in località Trasanello.

Questo intervento, per la sua tipologia, è sottoposto a procedura di VIA ed AIA e prevede l’incremento dell’utilizzo dei rifiuti non pericolosi, come combustibile, fino a 60.000 t/anno dei codici CER già autorizzati in AIA con l’aggiunta del codice CER 19.12.10 descrittivo del combustibile derivato dai rifiuti (CDR), prevedendo anche l’utilizzo dei Combustibili Solidi Secondari (CSS).

E’ opportuno evidenziare che tra  combustibili utilizzati, peraltro  regolarmente autorizzato, c’è il pet-coke che è considerato, a livello internazionale, pericoloso per la salute pubblica, mentre tra i compiti preminenti dell’Amministrazione sussiste  l’ obbligo di adottare tutti i provvedimenti necessari per tutelare la SALUTE PUBBLICA, IL RISPETTO DELL’AMBIENTE, LA TUTELA DELLA BIODIVERSITA’ anche in considerazione della vicinanza con il  limitrofo Parco della Murgia Materana.

Peraltro l’ Amministrazione comunale di Matera ha promosso sinora, con specifici finanziamenti, il potenziamento della raccolta differenziata, supportata da una  continua opera di sensibilizzazione della comunità sull’argomento, consapevole  che una accorta azione di razionalizzazione del sistema dei rifiuti solidi urbani    riduce considerevolmente  i presupposti per il conseguente utilizzo come combustibile.

La richiesta, quindi,  di ITALCEMENTI di autorizzazione per il progetto  di recupero dei  rifiuti come combustibile obbliga l’ Amministrazione Comunale ad adottare  la MASSIMA ATTENZIONE sull’argomento, in considerazione che  il sito produttivo dell’ITALCEMENTI SpA, con sede a Matera in località Trasanello, diventa, con tali presupposti,  un CEMENTIFICIO-INCENERITORE.

In considerazione che la pubblicazione della procedura di VIA ed AIA prevede che nei sessanta giorni successivi alla pubblicazione è possibile presentare osservazioni a tutela di interessi specifici, otto consiglieri comunali, quattro di maggioranza e quattro di opposizione, hanno presentato  una mozione, da discutere con assoluta urgenza in consiglio comunale, per impegnare Sindaco e Giunta a presentare le osservazioni al rilascio delle Autorizzazioni, entro e non oltre il termine perentorio del 16/07/2013.

Tali osservazioni devono essere  finalizzate alla proposta di una progressiva eliminazione dell’uso del pet-coke come combustibile, oltre a richiedere che la sede di Matera della ITALCEMENTI, pur conservando la destinazione d’uso attuale di  produzione di clinker, adotti i limiti normativi di emissione previsti per gli inceneritori (DL 133/2005, 2000/76/CE), notoriamente più restrittivi rispetto a quelli dei cementifici ( DL 152/2006).

Inoltre i  consiglieri comunali chiedono a Sindaco e Giunta di impegnarsi, con la stessa urgenza, per attivare il monitoraggio in continuo della qualità dell’aria nel circondario dello stabilimento,  come peraltro riportato al punto 3 dell’Accordo del 07/05/2010 tra Comune di Matera e ITALCEMENTI, tutt’ora disatteso, visto che le centraline di monitoraggio dell’aria non sono state ancora installate”.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information