"Dallas Buyers Club" (tre premi Oscar), il materano Federico Ferrandina firma un brano del film

 

alt

Da Matera a Los Angeles, la conferma di un talento della Città dei Sassi che, in un certo senso, conquista ben tre Oscar.

Nella colonna sonora del film "Dallas Buyers Club" (Miglior attore protagonista a Matthew McConaughey, Miglior attore non protagonista a Jared Leto, Miglior trucco e acconciatura a Adruitha Lee e Robin Mathews) del regista canadese Jean-Marc Vallée c’è il brano musicale "Mexican Mariachi", scritto dal musicista e compositore materano Federico Ferrandina.


"Sono felice che la produzione del film abbia selezionato questa creazione musicale" - dichiara Ferrandina, che è nato a Matera nel 1978. "Peraltro "Dallas Buyers Club", che era già vincitore di numerosi riconoscimenti e di due Golden Globe, è uno dei miei film preferiti. Anche se "Mexican Mariachi" non è nato espressamente per il film, trovo semplicemente perfetto l'accostamento con la scena in cui è stato inserito".

Già premiato con due Global Music Awards nel 2012, il musicista lucano è impegnato in varie produzioni oltreoceano come film, serials, progetti discografici e un musical intitolato "You, Fascinating You" in coppia con la scrittrice Germaine Shames.

 Ilmiotg ha intervistato il musicista.

Come è nato il brano musicale "Mexican Mariachi" e in che modo è stato selezionato nella colonna sonora?

“Il brano fa parte di un mio album del 2009 realizzato insieme a Stefano Torossi, intitolato Guitarra, che è una specie di viaggio intorno al mondo della chitarra in diverse culture musicali. è stato scelto dalla produzione proprio perché in quella scena era necessario sottolineare l'ambientazione al di là del confine, in Messico, e questo era il brano dell'album che si riferiva allo stile Mariachi, una delle tradizioni musicali messicane”.

 Cosa significa per un ragazzo nato a Matera avere una ribalta così prestigiosa?

“Per me significa ribadire la qualità dei prodotti culturali dell'Italia meridionale. Nascere a Matera e trascorrerci l'adolescenza e gli anni della formazione può essere una ricchezza, certo sarebbe bello non doversi sempre e solo rivolgere all'estero perché questo sia riconosciuto”.

 Cosa c’è nel tuo futuro artistico?

“Attualmente sto lavorando al musical "You, Fascinating You" con la scrittrice e drammaturga Germaine Shames, lo spettacolo debutterà in teatro a Tucson all'inizio del 2015 con la regia di Robert Encila. è una storia molto interessante che riguarda da vicino l'Italia, pur essendo scritta da una statunitense, per cui immagino che se ne parlerà anche qui. Contemporaneamente continuo a produrre musica per colonne sonore e progetti discografici di vario tipo”.

 Hai all’attivo altri riconoscimento internazionali e sei attualmente impegnato in alcune produzioni oltreoceano. In termini di rinunce, sacrificio, abnegazione, quanto è stato difficile imporsi con successo nell’ambiente musicale?

 

"Non sento di poter parlare di successo, credo piuttosto di aver appena cominciato ad aprire un canale di lavoro, insomma mi pare un risultato modesto e non decisivo per una carriera, per cui ho l'impressione che il mio impegno in questo campo debba ancora crescere. Ci sono delle difficoltà e delle rinunce in questo, ma è un'attività che svolgo con passione e soddisfazione, per cui non sento che il tempo e l'energia che ho profuso siano solo "sacrificio e abnegazione", c'è anche il piacere e l'entusiasmo".

Qual è il tuo momento ideale per comporre?

“Qualunque momento, quando si hanno delle scadenze non si invoca l'ispirazione, ma ci si mette al lavoro come qualsiasi artigiano nella sua bottega”.

 Cosa consiglieresti ad un giovane compositore che intende intraprendere il tuo stesso percorso?

“Può suonare banale ma consiglio solo di studiare (che significa anche ascoltare musica di tutti i tipi con curiosità, andare a concerti, suonare in una band partendo dal garage e dai locali della città, confrontarsi con altri musicisti ecc...)”.

Qual è il tuo parere sulla candidatura di Matera a Capitale Europea della Cultura nel 2019?

“Sarei ovviamente orgoglioso di un risultato del genere, quindi me lo auguro e lo auguro a tutti i materani”.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information