"Siamo Italiani Tour", Salandra ha fatto breccia nel cuore di Povia. In 5000 grazie a Don Giorgio

 

alt

(foto di Claudio Ranalli)

Salandra ha fatto breccia nel cuore di Povia.

Lo conferma il cantautore in un lungo post su Facebook delle 3:58 di questa mattina, parlando di “tristenerezza e immensa felicità” dopo un concerto che per oltre due ore ha fatto tornare tutti bambini e ha permesso di vedere “i volti cambiare espressione nei confronti di un'Italia che invece potrebbe farcela, potrebbe tornare a fare oh”.

Ecco l’intervento di Povia a margine del concerto a Salandra:

“Io sto sul palco e le persone le guardo negli occhi e anche se sto per dire una frase scontata, è proprio vero: Gli occhi sono lo specchio del cuore e dell'anima.  "Tristenerezza e immensa felicità".  Perchè penso che queste 2 parole siano il pensiero degli italiani in questo momento. In alcuni di più, in altri di meno e in altri c'è solo la percezione o la sensazione.   Ma la domanda universale nella nostra anima e nel nostro cuore è questa: "Dove sta andando la nostra bella Italia?".  "Tristenerezza" vuol dire questo..  Che tristemente ci sono sempre più tasse, scomode notizie riguardanti questo "debito con l'Europa", sempre meno soldi, meno economia che gira e quindi più preoccupazione per il futuro..soprattutto dei nostri figli. Tenerezza..perchè in molti c'è la speranza che tutto possa un giorno cambiare. E immensa felicità…perchè noi italiani siamo così. SIAMO TROPPO FORTI, non ci butta giù nessuno. Non c'è niente da fare.

 E ieri l'ho visto con i miei occhi. Dove voglio arrivare?  Voglio dire che ieri, canzone dopo canzone, parlato dopo parlato, scambio dopo scambio, dialogo dopo dialogo,   ho visto gli italiani tirare fuori la propria italianità, quella che provo io.

 Quella che sto cercando di trasmettere attraverso questo tour e attraverso la musica, solo la musica. L'italianità morale, sociale, intellettiva, semplice, terrena, viva.

 Tutto qua..e per me non è poco.  È il mio tentativo di comunicare che ognuno deve amare la propria terra, guardando il proprio orticello. Amando quello che ha e non quello che non ha o che non avrà mai.  Per alcuni è difficile, per altri impossibile e lo capisco. Non tutti ce l'hanno la vera italianità.

 In molti si è solo addormentata, altri non ci credono più,  altri vorrebbero crederci ma sono sfiduciati e stanchi di essere presi in giro da questo e quello.   Altri la hanno abbandonata, altri la odiano e altri pasticciano perchè attaccano un "potere" che non si scalfisce neanche di una virgola e peggiorano le cose perchè lo rafforzano senza accorgersene.  Comunque, dove voglio arrivare..?  Semplice, voglio arrivare a ieri:  Ho visto i volti cambiare, ma non perchè prima del concerto la gente non fosse viva, non voglio dire questo.  Voglio dire che ho visto i volti cambiare espressione nei confronti di un'Italia che invece potrebbe farcela, potrebbe tornare a fare oh..  "Potrebbe" è un condizionale..e io con i condizionali, con i ma e con i se non vado + d'accordo.  Ma ieri a SALANDRA, anche solo per 2 ore.. HO VISTO I VOLTI CAMBIARE…E DIVENTARE BAMBINI DENTRO. L'ho visto solo io ma credetemi, l'ho visto davvero e non riesco a spiegarlo meglio di così. Non so se mi seguite..  HO VISTO I VOLTI CAMBIARE…E DIVENTARE BAMBINI DENTRO.

 I bambini sono speranzosi e vedono chiaramente il sole anche quando piove e il cielo è coperto. Ho visto questo nelle persone ieri.  Eravamo oltre 5 mila! Tutti "Bambini"...

 Chi non c'era non può capire.. Che serata stupenda!!!! Ringrazio particolarmente in modo speciale, Don Giorgio che ci ha voluto fortemente e tutti i suoi collaboratori nella foto”.

“Il Siamo Italiani Tour” farà tappa domani sera a Gioia del Colle e il 22 a San Chirico Nuovo.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information