MENU' DI NATALE CON I PIATTI DELLA TRADIZIONE

A Natale in tavola con i piatti della tradizione e con la genuinità dei prodotti della filiera corta della dieta mediterranea. E’ l’invito che la Camera di commercio di Matera, l’Unione regionale cuochi Lucani e l’Associazione cuochi materani ha rivolto a buongustai e turisti con il primo dei due corsi dimostrativi gratuiti dedicati alla cucina e all’arte pasticcera. Il menu di Natale segna il riunirsi a tavola delle famiglie lucane e degli ospiti che visiteranno Matera, i centri della provincia e della Basilicata alla scoperta di luoghi suggestivi, eventi, presepi, sagre e della buona tavola. E per il giorno della Natività e degli auguri gli chef Battista Guastamacchia, Gianfranco Bruno, Antonio Farella e Innocenzo Schiavone hanno preparato e proposto “ Cestino di arancia del Metapontino con tagliatella di seppia dello Jonio e gratin di gratin di mandorle’’, “Laganelle marmorizzate al ficotto con ragù di baccalà e duetto di ceci bianchi e neri in due consistenze”, “Filetto di maialino nero lucano farcito con fichi secchi e mandorle con purea di patate al limone e cicorie saltate” per finire con “soffice alle castagne con burrata, fichi secchi e sorbetto al corbezzolo”. Un menù che ha interessato i corsisti sia nella elaborazione che sulle peculiarità degli ingredienti a filiera corta. Un tema, quello della Dieta Mediterranea, toccato negli interventi di saluto del segretario generale della Camera di commercio Luigi Boldrin e sulle azioni messe in campo dall’Ente per promuovere l’agroalimentare del territorio, e dal presidente dell’Associazione cuochi materani Carlo Montano, che ha invitato a riscoprire i piatti della tradizione e i prodotti a filiera corta. La bontà dell’iniziativa,legata alla promozione di una componente importante dell’offerta turistica materana e lucana, è stata ribadita dal presidente della Camera di commercio Angelo Tortorelli. “ L’interesse destato dai corsi organizzato con le Associazioni dei cuochi - –ha detto il presidente della Camera di commercio Angelo Tortorelli- conferma l’attenzione dei buongustai e degli operatori verso prodotti e piatti della buona tavola materana e lucana. Un fattore culturale, che lega ricerca e tradizione, che contribuisce a far conoscere i benefici della dieta mediterranea e la filiera ad essa legata così da sostenere l’economia locale. I corsi rientrano nel programma di incontri e attività segnati dai tempi della clessidra e dal ruolo dell’Ente sul tema “Un motore per le imprese e per lo sviluppo del territorio’’. Domani il secondo appuntamento con l’arte pasticcera. Matera 10 dicembre 2014     

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information