Gal Bradanica

braicoIl Gal Bradanica ha pubblicato tre avvisi pubblici che riguardano la “Valorizzazione e promozione delle produzioni agricole”, il “Parco delle cantine” e l'“Accademia e laboratorio dei mestieri antichi”, nell'ambito del Piano di Sviluppo Locale 2007 – 2013.

“Attraverso gli avvisi - ha dichiarato il Presidente Leonardo Braico – il GAL intende recepire manifestazioni di interesse per la presentazione di progetti da parte di soggetti pubblici o privati, in forma singola o associata. La modalità di attuazione, definita tecnicamente ‘Regia in Convenzione’, prevede una prima fase di selezione delle migliori idee progettuali, in base ai criteri definiti nei rispettivi bandi ed una seconda di realizzazione dei singoli progetti tramite apposita convenzione tra il beneficiario/i selezionato/i ed il GAL Bradanica”.

Nello specifico Braico ha comunicato che:
- l’operazione “Valorizzazione e promozione delle produzioni agricole” si propone di attivare iniziative ed interventi volti a valorizzare le produzioni agricole di qualità, le tradizioni produttive agroalimentari ed enogastronomiche dell’area bradanica oltre che a favorire la creazione di una rete di promozione e divulgazione dei prodotti tipici;
- l’operazione “Parco delle cantine” si sviluppa su due livelli corrispondenti a due progetti complementari, che prevedono la ristrutturazione, il recupero e la valorizzazione dei beni oggetto dell’intervento, l’ organizzazione, la gestione e la fruizione, anche ai fini turistici, di un Parco delle Cantine;
- l’operazione “Accademia e laboratorio dei mestieri antichi”, prevede la realizzazione di un’Accademia/Laboratorio permanente funzionale alla realizzazione di attività didattiche ed educative, di un centro di informazione e formazione e di un contenitore culturale per la realizzazione di convegni ed eventi tematici.

Le proposte progettuali potranno essere presentate al GAL Bradanica, entro il 14 dicembre 2011, secondo le modalità specificate nei singoli bandi scaricabili dal sito www.gal-bradanica.it

galL’assemblea dei soci del GAL bradanica si è riunita il 29 luglio scorso per rinnovare  il C.d.A dei prossimi tre anni. Il Presidente Leonardo Braico ha fatto un consuntivo del programma Leader Plus che ha rappresentato un importante strumento economico-finanziario messo a disposizione dall’Unione Europea, con il contributo dello Stato italiano e del governo regionale, per sostenere lo sviluppo dei territori rurali. Con il suo intervento, il Presidente ha messo in risalto  che l’attività  del GAL  si è concentrata su tre settori principali:
A. la valorizzazione delle produzioni tipiche del comparto agricolo-alimentare attraverso la promozione di azioni di marketing  ed il miglioramento qualitativo per avere  un migliore accesso al mercato;

B. la valorizzazione del patrimonio storico-culturale ed ambientale attraverso azioni di promozione turistica non solo dei centri storici ma dell’area nel suo complesso;C. interventi a favore delle P.M.I al fine di migliorare le prestazioni aziendali  con innovazioni tecnologiche, certificazioni di qualità e studi di mercato  per una migliore collocazione del prodotto.

Questa politica ha contribuito:

1. a sviluppare la cultura d’impresa e quella dell’accoglienza favorendo così il successo del turismo rurale con il coinvolgimento degli operatori  della ricettività, della ristorazione e dell’agro-alimentare;

2. a coinvolgere numerose cooperative di giovani che hanno potuto lavorare e farsi un’esperienza che sarà utile per il futuro;

3. a organizzare in rete dei punti vendita aziendali;
4. a sviluppare progetti “sull’ambiente integrato” per dare agli alunni e  studenti delle varie scuole presenti sul territorio una visione nuova dell’agricoltura e, più in generale, dell’ambiente naturalistico che ci circonda attraverso musei creati nell’ambito del percorso pedagogico intitolato “C’era una volta….”;

5. a coinvolgere i comuni del GAL relativamente ad azioni di promozione permanente e di conoscenza del proprio territorio e delle proprie tradizioni locali; 

6. a valorizzare le risorse ambientali, culturali e produttive con nuovi prodotti turistici-sportivi come l’orientering, il trekking, il cicloturismo e l’ippoturismo;

7. a interagire con l’Università e il C.N.R per progetti pilota in agricoltura e per rivitalizzare i prodotti agro-alimentari con la tracciabilità e favorire così  una maggiore commercializzazione dei nostri prodotti.

Il Presidente ha concluso il suo intervento informando i soci del ruolo attivo e propositivo del GAL nella realizzazione del progetto PIOT “Matera e collina materana“ che sicuramente contribuirà a un salto di qualità del turismo nel nostro territorio con l’arrivo di nuove risorse economiche già cantierizzabili.

L’Assemblea, dopo gli interventi di tutti i presenti, ha ringraziato il Presidente per l’impegno e per il coinvolgimento di tutte le amministrazioni comunali nei vari progetti che hanno contribuito a far conoscere le diverse peculiarità del territorio a livello nazionale ed europeo e all’unanimità gli hanno rinnovato la fiducia per il terzo mandato consecutivo.

Nel nuovo C.d.A sono stati riconfermati Pino Bruno di Confcooperativa ed Emanuele Panarelli di Montescaglioso mentre i nuovi consiglieri sono: il sindaco di Miglionico Angelo Buono, il sindaco di Pomarico Giuseppe  Casolaro, Giuseppe Montemurro del Parco delle Chiese Rupestri e Donato Laraia del Copagri.Prima di chiudere l’assemblea, il Presidente ha ringraziato per la proficua collaborazione i sindaci, i consiglieri uscenti del C.d.A, i collaboratori e tutti i soci che hanno assicurato la funzionalità ed il valore aggiunto di un partenariato ricco, attivo e propositivo.

 

braico“Con l’adozione della delibera n.1094 del 5 luglio, la Giunta Regionale ha definitivamente rinnegato il PTR, le strategie di marketing territoriale portate avanti dall’APT Basilicata ed ha mortificato il lavoro e gli sforzi progettuali del Gal Bradanica che ha programmato interventi coerenti sia all’Avviso Pubblico dei PIOT che al PTR e soprattutto all’Asse IV del PO. FEARS 2007 – 13”.
A comunicarlo con una nota è il Presidente del GAL Bradanica Leonardo Braico. “Con la riduzione del budget da 15 a 8.1 ml di euro – aggiunge Braico - viene meno l’intero PIOT “Matera e Collina” in quanto gli interventi sono stati progettati in maniera funzionale alla Città dei Sassi (prodotto star) al fine di valorizzare i più importanti contenitori culturali dei Comuni della collina e di creare, attraverso la successiva messa in rete, esperienze coinvolgenti ed uniche per il consumatore turistico moderno. Pur avendo, il Gal Bradanica, le adeguate competenze tecniche scaturite dall’esperienza leader ha rinunciato alla creazione di un PIOT della Collina materana indipendente da Matera e dal Parco della Murgia, lavorando in un’ ottica di sistema per “traghettare” in tempi brevi il PIOT “Matera e Collina” verso un Sistema Turistico Locale come previsto nel PTR e dalla legge quadro sul turismo n. 135/2001. Risulta essenziale – conclude Braico – un’ inversione di rotta sia attraverso una rivisitazione delle somme immediatamente disponibili da attribuire per intero a quei PIOT che hanno ricevuto dal Gruppo interdisciplinare per l’istruttoria e la valutazione dei PIOT un giudizio di valutazione complessivo “alto” che attraverso un intervento finanziario aggiuntivo in grado di realizzare un grande attrattore di nuova concezione nel polo di Matera e Collina”.

braicoCon il suo consolidato slogan “Non Solo Sassi…”, il Gal Bradanica si è presentato a Madrid per promuovere e valorizzare il patrimonio rupestre dei sei Comuni della collina materana (Montescaglioso, Miglionico, Pomarico, Grottole, Grassano, Irsina) adeguatamente abbinati alla Città dei Sassi, in un importante ed innovativo progetto di cooperazione transnazionale da candidare nell’ambito dell’iniziativa comunitaria Leader Asse IV. Nella Red de Desarollo Rural, sede della Rete Leader spagnola, situata nell’elegante Barrio del Passeo del Prado, il Gal Bradanica, dodici Gal spagnoli, due Gal francesi, i rappresentanti dei Ministeri  del Territorio e dell’Ambiente di Marocco e Algeria si sono incontrati venerdì 20 marzo per programmare, in maniera congiunta, le attività del progetto “El Patrimonio Trogloditico” e per pianificare la creazione di  una Rete turistica tematica transnazionale che vede nel patrimonio rupestre e nella cultura rurale dell’area mediterranea le direttrici principali per la valorizzazione, a fini turistici, dei rispettivi territori.
Il Gal Bradanica, rappresentato dal Presidente Leonardo Braico e con il supporto del consulente di marketing turistico Giuseppe Lalinga, è stato accolto con entusiasmo nella capitale iberica, ricevendo dai partner un ruolo di primaria importanza all’interno del progetto. << Al nostro Gal  - ha dichiarato il Presidente del Gal Bradanica Leonardo Braico - è stato affidato un importante ruolo di coordinamento per la redazione di un manuale sul recupero e la valorizzazione dei siti rupestri, di assistenza tecnica per le azioni di comunicazione e commercializzazione turistica e di raccordo e coordinamento per l’ ampliameno del partenariato italiano ad altri soci cooperanti (Gal) e collaboranti (Istituzioni ed associazioni)>>. 
<<La nostra idea - progetto ha relazionato durante l’incontro Giuseppe Lalinga - è quella di creare, un’ identità territoriale a forte vocazione turistica – culturale,  per “trasformare” la cultura rupestre, la natura, gli usi e i costumi delle zone rurali in esperienze turistiche ricche di appeal per il consumatore turistico moderno. Il secondo step sarà, invece,  quello di coinvolgere direttamente i professionisti della distribuzione turistica; in questo modo si riuscirà a commercializzare l’area mediterranea a prezzi competitivi; in questa fase, per favorire interscambi di flussi turistici tra i territori cooperanti, saranno anche previste speciali offerte promozionali >>. L’idea - progetto del Gal materano ha trovato il placet positivo dei Gal spagnoli e francesi che hanno evidenziato il ricco patrimonio rupestre di Matera e del suo hinterland ed apprezzato i positivi risultati conseguiti dal Gal Bradanica nei progetti di valorizzazione e promozione turistica sperimentati nella precedente programmazione Leader +, tra cui “Itinerari rupestri del Bradano” inseriti nelle buone prassi dell’Unione Europea e il progetto di cooperazione transnazionale MAP (Moving around provinces>). <<Avere come partner il Gal Bradanica - ha dichiarato Juanjo Manrique Lopez direttore del Gal andaluso Comarca de Gaudix - ed una destinazione turistica come Matera città simbolo della cultura rurale, che da anni sta lavorando per la valorizzazione di chiese ed insediamenti rupestri accresce la qualità del partenariato e la forza attrattiva delle proposte turistiche tematiche che a breve presenteremo, così come suggerito dal nostro nuovo partner italiano, alla domanda turistica internazionale>>.        
Nell’esprimere la sua soddisfazione il Presidente Braico ha confermato la volontà e l’impegno del GAL Bradanica e di tutti i Sindaci del territorio di coinvolgere nel progetto non solo altri Gal italiani ma anche l’Amministrazione Provinciale di Matera, le associazioni culturali ed ambientali e l’APT Basilicata per le azioni di promo – commercializzazione.
A tal proposito – afferma il direttore Nicola Raucci -  inizieremo, nelle prossime settimane, a programmare una serie di incontri per coinvolgere il maggior numero possibile di operatori pubblici e privati, in quanto il progetto, in considerazione della qualità del partenariato e di un approccio orientato al benchmarking, rappresenta un’interessante opportunità di crescita sia per gli enti locali che per gli operatori turistici del nostro  territorio>>.
<< Grazie al nuovo programma Leader - continua Braico – le azioni  in cantiere rappresenteranno un ulteriore tassello in grado di arricchire l’offerta turistica regionale di nuovi ed interessanti prodotti turistico - culturali ad integrazione ed a supporto dei prodotti – aree, maturi o trainanti (le cosiddette 4 EMME ben individuate nel Piano Turistico Regionale) per incrementare, negli anni a venire, il trend positivo di un aumento di arrivi e presenze nella nostra Regione e per sviluppare nelle aree rurali un turismo sostenibile e responsabile in grado di migliorare la qualità della vita delle popolazioni residenti. Sono certo – conclude Braico – che il presente progetto potrà rappresentare un valido strumento anche in vista dei PIOT (Pacchetti integrati offerta turistica) per creare partenariati tra pubblico e operatori privati capaci di promuovere e commercializzare nel mercato globale le nostre risorse territoriali e culturali. Spero che,  nei tempi programmati, l’Autorità di Gestione del Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata approvi i Piani di Sviluppo Locale dei Gal per passare, in concomitanza con gli altri partner, dalla fase progettuale a quella operativa>>.

Tra perseveranza e promozione l'area Bradanica colpisce oltre i confini italiani. Dopo l’ iniziativa di promozione locale “Itinerari Rupestri del Bradano” inserita tra le buone prassi dell’ Unione Europea, il GAL Bradanica - Presideuto da Leonardo Braico - ripropone l’esperienza ad una platea internazionale attraverso un nuovo progetto ed un importante partenariato transnazionale, che vede il Gal andaluso Comarca de Gaudix (Granada) come capofila ed il Gal Bradanica come coordinatore sia di importanti attività che della costituzione del definitivo partenariato. Ricordiamo che i comuni rientrandi nell' area materana sono: Grassano, Grottole, Irsina, Miglionico, Montescaglioso e Pomarico (tutti scrigni di storia con patrimoni unici valorizzati in alcune interviste video web realizzate dall' agenzia di comunicazione "Videouno" di Matera-italy e Maria Anna Flumero. Ecco alcuni link 1, 2, 3, 4, 5 e 6 presentie cliccabili su youtube). Al momento, oltre al GAL Bradanica, il partenariato è composto da dodici GAL spagnoli, tre francesi, dal Ministero del Territorio e dell’Ambiente (Algeria), dal Ministero del Territorio, dell’Acqua e della Protezione Ambientale (Marocco), dal Centro UNESCO dell’Andalucía, dall’ Associazione Hades (Francia), dall’Associazione Vaiven Paraíso (Spagna) e dal Parco della Murgia Materana. Il Partenariato è ancora in fase di definizione e di ampliamento, in quanto altri Gal e diversi Enti, tra cui la Provincia di Matera, hanno manifestato il loro interesse ad aderire.
“Il progetto di cooperazione transnazionale denominato El Patrimonio Troglodítico - dichiara Braico - coinvolge diverse realtà locali, nelle quali il patrimonio rupestre costituisce, nella propria diversità, un elemento significativo delle proprie risorse culturali ed ambientali; utilizzando i risultati raggiunti nella precedente esperienza LEADER + l’obiettivo principale sarà quello di attivare nei territori coinvolti politiche di sviluppo in grado di promuovere un’offerta turistica integrata a forte vocazione territoriale che propone in maniera chiara ed univoca la cultura rupestre e l’esperienza della ruralità. A Madrid - conclude Braico, il 20 marzo insieme a tutti i partner verranno programmate le diverse attività, il crono – programma e le singole azioni locali che avranno l’obiettivo di creare, nel medio periodo, una rete turistica transnazionale dedicata al patrimonio rupestre”.
Il progetto realizzato dal Gal andaluso in collaborazione con il team di esperti del Gal Bradanica, coordinati dal Direttore Nicola Raucci, con la progettazione di Giuseppe Lalinga ed il contributo tecnico - scientifico di Franco Caputo, prevede un approccio sostenibile e responsabile al fine di creare modelli di sviluppo capaci di migliorare la qualità della vita dei residenti e di aumentare progressivamente il numero dei visitatori. La redazione di manuali di manutenzione degli insediamenti e l’utilizzo delle nuove tecnologie per esaltare il patrimonio rupestre come tour virtuali tridimensionali, sperimentazione di mappe digitali tramite coordinate satellitari e della prima tv digitale “Troglo Web Tv”, saranno alcuni degli argomenti da discutere nel briefing di Madrid.

Maria Anna Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information