Il salone de “Il Bontà” di Cremona si è riempito, nei giorni scorsi, di prelibatezze, profumi, aromi e sapori appartenenti alla buona tavola di Basilicata e Puglia.

I G.a.l. (gruppi di azione locale) Bradanica, Le Macine, Allba, Terra d’Arneo, Cosvel e Santa Maria di Leuca, che partecipano al progetto di cooperazione interterritoriale intitolato “I comuni ed il paesaggio rurale: fattori di sviluppo” hanno tenuto l’ultima tappa del loro viaggio insieme proprio nel capoluogo di provincia lombardo, per esportare anche a diverse centinaia di chilometri di distanza dalle terre di origine, le proprie primizie territoriali.

In questo contesto, anche i produttori dell’area bradanica hanno portato il proprio contributo, con i salumi del Salumificio Montese di Montescaglioso ed i prodotti da forno di Gentile Claudio di Grottole.

Ma il salone cremonese non è solo di promozione dei prodotti agroalimentari, ma anche dell’artigianato e delle apparecchiature professionali per la ristorazione, un settore in cui anche il G.a.l. Bradanica ha potuto vantare un fiore all’occhiello, cioè l’innovativo barbecue ecologico prodotto dalla ditta Sistem Plastic di Grottole.

Un boom, per questa quinta edizione, è stato il numero di presenze dei visitatori, un dato sottolineato ampiamente anche dai mezzi di comunicazione lombardi.

Le punte massime di affluenza si sono verificate specialmente nelle giornate di sabato e domenica, quando l’isola espositiva che ospitava i produttori appartenenti ai predetti sei gruppi d’azione locale è stata letteralmente presa d’assalto da curiosi e golosi.

Buone sono state anche le vendite, i contatti con i rappresentanti di settore e l’interessamento della stampa locale per le bontà esposte dalle società consortili partecipanti e dalla Bradanica, in modo particolare.

“L’ afflusso della gente, l’apprezzamento per i nostri prodotti e la soddisfazione dei nostri espositori – ha commentato Leonardo Braico, presidente del G.a.l. Bradanica – sono il segno che queste manifestazioni sono utili ed efficaci per la conoscenza del territorio e dei nostri prodotti, apprezzatissimi anche in terra lombarda, così come è già avvenuto in precedenza per altre occasioni in territorio extra regionale”.

La serata conclusiva, denominata “Il nord impiatta il sud” si è svolta presso una bellissima struttura ricettiva nei pressi di Cremona, alla presenza di autorità locali quali il presidente della Provincia di Cremona, Giuseppe Torchio, il presidente della camera di commercio del capoluogo, Gian Domenico Auricchio, ed il presidente dell’Ascom di Cremona, Antonio Zaninelli, di ristoratori locali, buyers ed esperti del settore agroalimentare.

L’intero menù della cena finale, preparata da un cuoco cremonese e da uno pugliese, è stato realizzato completamente a base dei prodotti portati dai produttori espositori lucani e  pugliesi, che hanno ricevuto numerosi complimenti per la squisitezza e la qualità delle proprie produzioni.

Un biglietto da visita migliore della propria terra, la Puglia e la Basilicata, proprio non potevano darlo.

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information