Pubblicato da Newton "Il metodo danese per crescere bambini felici ed essere genitori sereni"

 

alt

Qual è il segreto alla base della serenità delle famiglie danesi? Provano a spiegarlo, con semplicità, una giornalista e una psicologa, Jessica Joelle Alexander e Iben Dissing Sandahl in una guida appena pubblicata in Italia, Il metodo danese per crescere bambini felici ed essere genitori sereni (Newton Compton. Grandi Manuali Newton, Traduzione dall’inglese di Federica Gianotti Tabarin).

Secondo le due studiose, entrambe mamme, è l’hygge (pronunciato “ügghe”), ovvero “stare insieme alle persone care in un’atmosfera intima, serena e accogliente”.

“La parola hygge – scrivono - risale al diciannovesimo secolo e deriva dalla parola germanica hyggja, che significa “pensare o sentirsi soddisfatti”. È un valore, un punto d’orgoglio, e uno stato emotivo e mentale.

Sandahl e Alexander sono riuscite nell’intento di scrivere un manuale da poter seguire passo passo per analizzare i propri comportamenti, evitare errori e orientare i propri metodi educativi nella giusta direzione.

Perché l’hygge è “(…)  una sensazione – si legge - che si prova e anche un modo di essere. È eliminare la confusione e l’isteria di qualunque altra cosa. È scegliere di godere dei momenti più importanti, più significativi della nostra vita – quelli con i nostri figli e parenti e amici – e dar loro il giusto peso. È farli essere quel che sono, momenti semplici, rendendo l’atmosfera positiva, e lasciandosi i problemi alle spalle. È volerci essere, scegliere di prender parte a quei momenti, e aiutare a trascorrere un lasso di tempo piacevole, sereni e in intimità. Con una famiglia numerosa, tutto questo richiede impegno perché come tutti i progetti di squadra, significa lavorare insieme per un obiettivo condiviso”.

Suggestivo a parole, ma nella pratica di tutti i giorni come si può conciliare l’hygge con la frenesia che ormai fa parte delle nostre vite?

Le due suggeriscono di tenere a mente un acronimo, “parent” (genitore) che ha in sé sette punti fondamentali per instaurare un buon rapporto con i propri figli: play (gioco), authenticity (autenticità), reframing (ristrutturazione), empathy (empatia), no uutimatums (nessun ultimatum), togetherness and hygge (intimità e hygge).

Non è un caso se da oltre 40 anni la Danimarca domini il World Happiness Report, la classifica dei Paesi più felici stilata ogni anno dalle Nazioni Unite, tanto da diventare oggetto di studi sociologici. Sembra che alla base dell’appagamento ci sia il modo in cui genitori e figli si relazionano tra di loro, l’empatia e la capacità degli adulti di offrire strumenti e istruzioni senza porre ultimatum ai piccoli.

Jessica Joelle Alexander è un’autrice e giornalista americana. Laureata in psicologia, è da sempre appassionata di studi sulle differenze culturali. Collabora con l’«Huffington Post», «The Copenhagen Post» e il «Local Denmark». Sposata con un danese da oltre quindici anni, parla quattro lingue e vive in Europa con la sua famiglia.

Iben Dissing Sandahl è una psicoterapeuta specializzata in Narrative Exposure Therapy (NET) e lavora soprattutto in campo familiare. Firma autorevole di riviste e giornali specializzati, è spesso ospite in radio e televisioni nazionali danesi. È sposata e ha due figlie.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information