Matera, approvata in consiglio delibera salvaguardia di bilancio

consiglio"Circa 6 milioni di euro di lavori già appaltati nell'ambito dei Pisus 2007 - 2013, circa 5 milioni di euro di opere già appaltate al di fuori dei Pisus. E ancora: il completamento delle opere rimaste ferme per molti anni  programmate nell'ambito dei Pisu 2000 - 2006". Sono solo alcuni dei numeri illustrati in una precisa, articolata e dettagliata relazione che il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, ha illustrato nel corso del Consiglio comunale odierno in relazione alla delibera riguardante la salvaguardia di bilancio.
"La realtà dei fatti - ha detto il sindaco - prescinde dalle legittime opinioni. La realtà è la rappresentazione di dati oggettivi. Ed è su questo piano che voglio muovermi. La realtà ci dice che: tre mesi fa abbiamo costruito un bilancio in equilibrio come confermato dai revisori dei conti; abbiamo rispettato il patto di stabilità; abbiamo pagato le imprese che da tempo aspettavano una boccata di ossigeno; abbiamo mantenuto e, in qualche caso rafforzato i servizi alla persona e alle fasce più deboli; abbiamo ristrutturato la tarsu rendendola più equa ed internalizzato il servizio per la riscossione dei tributi; stiamo spingendo Matera verso una nuova prospettiva di sviluppo che si chiama Matera 2019. E tutto questo lo abbiamo fatto nonostante i pesantissimi tagli dei trasferimenti statali per un importo di oltre 5 meuro e nonostante il mancato introito di oltre un milione di euro a causa della reintroduzione dell'ici sulla prima casa. E tutto questo lo abbiamo fatto senza aumentare le tasse, senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Questa è la realtà che voglio offrire al Consiglio comunale e all'intera città. Le opinioni, anche critiche, sono ben accette, ancora meglio le proposte. Ma questa fotografia non si può truccare, nè può aiutare la città utilizzare la rabbia come strumento di marketing personale".
Il sindaco, poi, è entrato nel merito delle iniziative messo in campo
"In un tempo difficile come quello che stiamo vivendo a causa della pesante crisi economica  - ha detto Adduce - abbiamo onorato tutti gli impegni con i nostri fornitori al 28 settembre 2012, tramite una anticipazione di cassa di oltre 2 milioni di euro. Ma tutto questo lo abbiamo fatto con il determinante contributo del Consiglio comunale. Ricordo, infatti, a titolo di esempio, che è stato il Consiglio comunale a stanziare 100 mila euro per consentire il completamento della rendicontazione del Pisu 2000 - 2006 utile a pagare le imprese. E così sono ripresi i lavori al Parco del castello, nei borghi Picciano A e B, per la riqualificazione di piazza San Rocco, , per il parco dei IV Evangelisti, il parco integrato di Serra Rifusa, il parco Macamarda, solo per fare qualche esempio concreto.
La tenuta in equilibrio dei conti è stata la nostra priorità sapendo che su questo si gioca il nostro presente e i futuro dei nostri figli. Anche per questo abbiamo chiuso una annosa vicenda come la vertenza della Ortomatt con pagamento rateale. Inoltre, le previsionimdel gettito dell'Imu sono state rispettate, sia in termini formali che sostanziali, mente per il gettito della tarsu dobbiamo aspettare ottobre e novembre. In questo contesto, abbiamo dato risposte che le imprese attendevano da tanti anni, come il diritto di proprietà passato nella disponibilità dei privati al Paip, che ci consente anche di incassare oltre un milione di euro. Così come abbiamo risolto un altro antico problema che si trascinava da oltre 30 anni riguardante il recupero dei costi dei suoli e degli oneri di urbanizzazione nelle aree peep di San Giacomo.
Come si vede sono tutte questioni reali, che si toccano con mano. Numeri nei quali c'è sostanza e concretezza. Lo stesso approccio riguarda i temi cosiddetti immateriali come la cultura e il turismo ai quali, grazie anche al prezioso lavoro dell'assessore uscente, Elio Bergantino, abbiamo dato un oggettivo impulso.
Il percorso di candidatura di Matera a Capitale europea della Cultura 2019, sta diventando sempre di più un progetto strategico per lo sviluppo della città di forte impatto non solo sul piano locale e regionale, ma anche sul piano nazionale. Abbiamo costruito grandi iniziative di natura spirituale che da  Mater Sacra, passando per la festa della Bruna, arriva al presepe vivente recuperando un'antica tradizione, dando un grande impulso al comparto turistico e commerciale.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information