Nucleare in Basilicata 10 anni dopo

 

Prosegue in occasione del decimo anniversario della protesta di Scanzano e dell’intero popolo lucano, la campagna Tienilammente, la terra è tua amala e difendila, lanciata l’Associazione Antinucleare ScanZiamo le Scorie. Tienilammente come tienilo a mente; ricordare quanto è successo 10 anni fa: il rischio di vedere morire la propria terra e la forza di un popolo attaccato alle proprie radici. Ma tienilo a mente è anche un monito per il futuro: la terra è nostra e va difesa da tutti i nemici che la vogliono deturpare, dai nuovi colonizzatori. Fin dalla sua presentazione, la campagna Tienilammente è stata caratterizzata da numerosi ed importanti eventi in Basilicata e non solo. Tutte le iniziative sono consultabili sul sito tienilammente.org. Nei prossimi giorni proseguiremo con le iniziative nelle scuole e all'aperto fino al 27 novembre con l’inaugurazione dell’opera d’arte realizzata da Antonello Musillo, vincitore del concorso RicordArte e lo spettacolo di cabaret di Dino Paradiso, orgoglio del popolo lucano.

Tra le diverse attività abbiamo voluto realizzare anche un e-book scaricabile gratuitamente Se lo conosci, lo eviti. Il nucleare e il problema irrisoltoscritto a più mani da Rebecca Borracini, Pasquale Stigliani, Giuseppe Onufrio, Maria Giovanna Laurenzana, Rosanna Carbotti con l’introduzione del Prof. Massimo Scalia e del Prof. Gianni Mattioli, una guida pratica sui problemi del nucleare e la gestione dei rifiuti radioattivi ancora presenti in Italia e non risolti, nonostante il carattere di urgenza che il famigerato decreto conteneva. Secondo lo studio infatti, il carattere di emergenza del decreto celava una scelta improvvida, mal gestita e sopratutto non condivisa con chi quel territorio vive quotidianamente di agricoltura e turismo, che mal si conciliano con un deposito di scorie nucleari, tra l'altro già presente con il centro nella Trisaia di Rotondalla (MT).

Tienilammente è stata e sarà fino alla fine una festa per il popolo lucano e un momento di riflessione per il futuro; un futuro non legato minimamente al nucleare ma proiettato alla tutela del territorio, ad un nuovo paradigma energetico pulito, rinnovabile e alla portata di tutti e ad un nuovo modello economico al netto di meccanismi finanziari criminali, lontano dal fallimentare mercato tradizionale ma più vicino alla Terra e alla sua bellezza e la Basilicata ha un capitale iniziale non indifferente.

San Carlo e Fondazione Bisceglia insieme per evitare "viaggi della speranza"

 

san-carlo-bisceglia"Per noi la svolta è arrivata quando il nostro medico di base ci ha indirizzato a Venosa: dovete andare alle 'Stanze di Ale' se volete risolvere il problema di vostra figlia". E così è stato: è da poco terminato l'intervento per "Francesca", chiameremo così la diciassettenne lucana di cui raccontiamo la storia, e il padre ricostruisce serenamente il lungo percorso che dal suo paese l'ha portata al tavolo operatorio del San Carlo, dopo una lunga e vana ricerca di una risposta a quel problema emerso intorno ai dieci anni. Un problema che con l'andare del tempo si è andato aggravando: una protuberanza alla regione fronto-temporale sinistra che le provocava emicranie sempre più dolorose. "Oggi sappiamo – ricorda con emozione il padre – che si tratta di una malformazione congenita, ma nei primi anni di vita della bambina era poco più di una vena più visibile. Quando sono cominciati i fastidi abbiamo cominciato a girare, ma nessuno ha saputo tracciare una diagnosi precisa".

Fino a quando, appunto, sono arrivati a Lavello. La Fondazione Alessandra Bisceglia è stata costituita nel 2009, con lo scopo di promuovere e sviluppare la realizzazione di interventi di sostegno in favore di famiglie di bambini affetti da malformazioni vascolari. Prende il nome dalla giovane e brillantissima lavellese, giornalista e autrice Rai, scomparsa prematuramente per una rara malformazione vascolare ed è nata come gesto d’amore per trasformare una tragedia familiare e umana in uno stimolo e un’occasione di servizio per la comunità. Data appunto la difficoltà diagnostica, la Fondazione anima il progetto “Le stanze di Ale”, per favorire l’accesso ai servizi da parte degli utenti interessati. Sono stati perciò attivati specifici ambulatori, denominati “le stanze di Ale”, dove i pazienti vengono inquadrati dallo staff di specialisti della Fondazione che provvedono a contattare le strutture del territorio che possano aiutare i loro assistiti. Sono passati circa due anni da quando "Francesca" e i suoi familiari sono stati presi in carico a Venosa. In questo periodo la Fondazione ha verificato che al San Carlo, struttura di riferimento regionale per l’eccellenza, sono presenti quelle professionalità, le tecnologie  e i modelli organizzativi interni in grado di pervenire alla diagnosi e trattamento chirurgico delle Malformazioni Vascolari, così da collocarsi su standard di servizio elevati, diffusi e fruibili. Si è arrivati così a un protocollo di collaborazione tra la Fondazione e il San Carlo di cui uno dei frutti è stato, appunto, l'intervento, nei giorni scorsi, a Francesca. A operare, insieme, per una durata di circa tre ore, il direttore scientifico della Fondazione, Cosmo Ferruccio De Stefano, primario emerito di Chirurgia plastica al Bambino Gesù, e Pierluigi Cappiello, primario di chirurgia vascolare al San Carlo. L'intervento è perfettamente riuscito e il problema della ragazza è stato risolto.

"Siamo molto soddisfatti – ha commentato Raffaella Restaino, presidente della Fondazione

Bisceglia – della collaborazione con il San Carlo. Poter assicurare una risposta chirurgica al termine del percorso diagnostico e terapeutico senza sottoporre i giovani pazienti allo stress e al sacrificio economico di un lungo viaggio è un fatto importante. Ma per noi, che siamo attenti alla dimensione

sociale e non solo clinica del nostro impegno, è piaciuta la scelta dell'azienda ospedaliera di coinvolgere noi, come altre associazioni e realtà del terzo settore, nel percorso del bilancio sociale, nell'idea condivisa che la sanità pubblica deve rendere conto alla cittadinanza del proprio operato. Un percorso che è stato coronato da un importante riconoscimento, visto che al San Carlo è stato assegnato dalla Ferpi l'Oscar di Bilancio".

E' un supporto a 360° quello che la Fondazione assicura ai suoi pazienti: nelle lunghe ore dell'intervento la presidentessa è rimasto al fianco dei genitori, a sostenerli, a confortarli, in una logica di presa in carico totale delle persone e non soltanto di un caso clinico.

 “Le toccanti parole del padre della giovane paziente – spiega il direttore generale del San Carlo Giampiero Maruggi – sono per noi tutti motivo di orgoglio e di soddisfazione. Il fatto che una famiglia lucana abbia risolto 'in casa' un grave problema sanitario, grazie alla collaborazione tra la Fondazione Bisceglia e il San Carlo è un successo che conferma la validità della nostra scelta strategica. Abbiamo voluto puntare su poche, qualificate collaborazioni di vertice per proiettare la sanità lucana fuori dai confini regionali, per abbattere le distanze, per far risparmiare i costi umani dei viaggi della speranza. Se, in generale, il nostro sistema soffre per problemi di scala e di mancanza di massa critica, questo fenomeno ovviamente si accentua sul fronte delle malattie rare. Ma la qualità raggiunta dalle nostre strutture e dai nostri professionisti ci permette di entrare in un circuito nazionale di eccellenza (dal pancreas alla prevenzione del cancro ai polmoni, per citare altri due esempi) con il duplice risultato di assicurare le migliori cure possibili per i nostri pazienti e la crescita dei nostri professionisti e dell’intero sistema sanitario regionale”.

SCUOLA E IMPRESA, PROROGATO AL 20 SETTEMBRE BANDO BORSA STUDIO F.P CALCULLI

Riaprono le scuole e cresce l’interesse per quelle iniziative che possono stimolare l’attenzione degli studenti su opportunità che possono contribuire a valorizzare attività e personaggi che, con il loro esempio e impegno, hanno fatto la storia dell’economia materana. La Camera di commercio di Matera ha deciso di prorogare fino al 30 settembre 2014 i termini per partecipare al concorso per l’assegnazione di una borsa di studio, dedicata a Francesco Paolo Calculli, scomparso nel 2013. I concorrenti dovranno elaborare uno studio sul tema: “Progetto di promozione per gli esercizi commerciali di Matera e del suo territorio connesso alla candidatura di Matera a capitale della cultura 2019. L’iniziativa, promossa dai figli Angelo e Antonio, è stata voluta per mantenere viva la memoria dell’imprenditore materano che si è distinto per la sua costante ed ininterrotta attività commerciale. L’importo della borsa di studio è di 3000 euro. La partecipazione alla selezione, riservata agli studenti delle scuole medie superiori, è disciplinata da un Regolamento, che può essere visionato e scaricato sul sito www.mt.camcom.it. “Imprenditoria – ha detto il presidente della Camera di commercio,Angelo Tortorelli- e percorso di candidatura di Matera a capitale europea della Cultura per il 2019 sono temi di stretta attualità, che coinvolgono la scuola e il futuro di questo territorio. Per gli studenti la borsa di studio dedicata a Francesco Paolo Calculli è una opportunità stimolante per contribuire con un elaborato , e con proposte, a inserirsi in questo percorso. E Matera ha bisogno di coinvolgere i giovani , che rappresentano il futuro della città’’. Matera 15 settembre 2014

MOSTRA FOTOGRAFICA SUL VANGELO SECONDO MATTEO

Fotografie in bianco e nero su personaggi e scene che caratterizzeranno 50 anni fa a Matera, nei rioni Sassi e sull’altipiano murgico, il film di Pierpaolo Pasolini “Il Vangelo Secondo Matteo’’ possono essere ammirate dal 17 al 22 marzo nella mostra tematica“Omaggio a Pier Paolo Pasolini- Il Vangelo Secondo Matteo’’ nella sala convegni della Camera di commercio . L’evento rientra nel programma “Matera Basilicata Cantiere Cinema’’, che affianca i lavori del consiglio di amministrazione dell’ European Film Academy (Efa), che si terrà nella Città dei Sassi dal 20 al 23 marzo. Si tratta di 30 scatti realizzati per gran parte dallo scrittore, giornalista Domenico Notarangelo che fu anche attore nel film e consulente del regista friulano, e da altri eseguiti del fotografo di scena Angelo Dovi. La mostra, curata dall’Associazione culturale materana Pier Paolo Pasolini, può essere visitata gratuitamente dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e il martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.00. Per l’occasioni sono stati collocati, davanti all’ingresso della Camera di commercio, alcuni totem esplicativi sulla esperienza di Basilicata terra di cinema. Dopo la vetrina materana le foto della mostra verranno esposte a San Pietroburgo (Russia). “ La mostra -ha detto il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli- rappresenta uno dei momenti di maggiore interesse di una settimana intensa sul mondo del cinema e lo conferma la presenza per la prima volta in Basilicata dell’European Film Academy,che raggruppa oltre 3000 tra registi, produttori, attori. Per Matera per la nostra regione è una grande opportunità di promozione e di crescita di un settore che vanta professionalità e set naturali, in grado di portare valore aggiunto all’economia locale. L’omaggio al film Il Vangelo Secondo Matteo, girato a Matera 50 anni fa, apre una ulteriore finestra sulle grandi produzioni in grado di far conoscere e cogliere gli aspetti culturali e ambientali di una terra antica’’. E con la mostra sul “Vangelo Secondo Matteo’’ appassionati, cittadini e turisti potranno ammirare fino al 22 marzo foto, attrezzature e altri simboli del mondo del cinema nelle vetrine del Centro allestite con l’apporto di Confcommercio e Confesercenti. Presso il Vicolo Cieco di via Fiorentini, nel Sasso Barisano,si può assistere con inizio alle 21.00 alla la rassegna ‘’Proiezioni e interazione’’, l’incontro con i filmaker locali promosso da Rete Cinema Basilicata. Matera 16 marzo 2014

Il 4 ottobre CoderDojo alla Pascoli

 

cdmt-e1401575654177

Si chiama coderDojo. In altri termini è una palestra per piccoli programmatori di computer. Un modo originale e divertente per avvicinare i bambini a un uso corretto del pc. L’idea è nata sulla Community di Matera 2019: progettare e realizzare il primo Coder Dojo nella Città dei Sassi. Il primo CoderDojo Matera si è tenuto il 23 Maggio 2014 coinvolgendo 15 bambini e 10 adulti e si è tenuto a unMonastery presso il Palazzo del Casale, per volere del Comitato Matera 2019. E’ stato tenuto da Carmelo Presicce del CoderDojo di Bologna. Il prossimo, ancora più grande, si terrà sabato 4 ottobre alla scuola Pascoli, nelle due sedi di via Lucrezio e via Lazzazzera. La mattina sarà rivolto agli studenti delle terze, quarte e quinte classi elementari della Pascoli. Il pomeriggio, nella sede di via Lazzazzera, sarà aperto a tutti gli studenti delle medie della città.

“Matera – afferma l’assessore comunale alla Pubblica istruzione, Flores Montemurro – si sta sempre di più posizionando come città aperta all’innovazione e al futuro grazie anche alla candidatura a capitale europea della cultura. Non è un caso che nei prossimi giorni ci sia anche il CoderWeek – la settimana della programmazione, che anticipa la riforma
della scuola per il prossimo anno scolastico con l’introduzione obbligatoria dell’ora di Coding. Matera sta anticipando questo processo. Crediamo molto nell’utilità di questa iniziativa perché serve a preparare le nuove generazioni ai nuovi modelli didattici che utilizzano la tecnologia per il trasferimento dei saperi”.

“Si tratta – afferma il direttore del Comitato Matera 2019 – di una straordinaria occasione per sviluppare nuove competenze. Nel dossier di candidatura parliamo di abitante culturale. Crediamo che questa iniziativa si inserisca perfettamente nel percorso formativo degli abitanti culturali che devono sempre di più essere pronti e aperti alle sfide del futuro”.

CoderDojo è un movimento senza scopo di lucro che si occupa di istituire dei club e organizzare incontri gratuiti per insegnare ai giovani a programmare. Nato in Irlanda nel 2011, si rivolge a bambini e adolescenti e si sta espandendo a livello globale. CoderDojo promuove l’utilizzo del software open source e gratuito e dispone di una forte rete di soci e volontari a livello globale. CoderDojo ha una sola regola: ”Above All: Be Cool“, bullying, lying, wasting people’s time and so on is uncool. (Soprattutto sii in gamba! Il bullismo, mentire e far perdere tempo non è da persone in gamba).

Palazzetto del Casale, via Fiorentini, Sasso Barisano – 75100 Matera

www.matera-basilicata2019.it

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.