Nucleare in Basilicata 10 anni dopo

 

Prosegue in occasione del decimo anniversario della protesta di Scanzano e dell’intero popolo lucano, la campagna Tienilammente, la terra è tua amala e difendila, lanciata l’Associazione Antinucleare ScanZiamo le Scorie. Tienilammente come tienilo a mente; ricordare quanto è successo 10 anni fa: il rischio di vedere morire la propria terra e la forza di un popolo attaccato alle proprie radici. Ma tienilo a mente è anche un monito per il futuro: la terra è nostra e va difesa da tutti i nemici che la vogliono deturpare, dai nuovi colonizzatori. Fin dalla sua presentazione, la campagna Tienilammente è stata caratterizzata da numerosi ed importanti eventi in Basilicata e non solo. Tutte le iniziative sono consultabili sul sito tienilammente.org. Nei prossimi giorni proseguiremo con le iniziative nelle scuole e all'aperto fino al 27 novembre con l’inaugurazione dell’opera d’arte realizzata da Antonello Musillo, vincitore del concorso RicordArte e lo spettacolo di cabaret di Dino Paradiso, orgoglio del popolo lucano.

Tra le diverse attività abbiamo voluto realizzare anche un e-book scaricabile gratuitamente Se lo conosci, lo eviti. Il nucleare e il problema irrisoltoscritto a più mani da Rebecca Borracini, Pasquale Stigliani, Giuseppe Onufrio, Maria Giovanna Laurenzana, Rosanna Carbotti con l’introduzione del Prof. Massimo Scalia e del Prof. Gianni Mattioli, una guida pratica sui problemi del nucleare e la gestione dei rifiuti radioattivi ancora presenti in Italia e non risolti, nonostante il carattere di urgenza che il famigerato decreto conteneva. Secondo lo studio infatti, il carattere di emergenza del decreto celava una scelta improvvida, mal gestita e sopratutto non condivisa con chi quel territorio vive quotidianamente di agricoltura e turismo, che mal si conciliano con un deposito di scorie nucleari, tra l'altro già presente con il centro nella Trisaia di Rotondalla (MT).

Tienilammente è stata e sarà fino alla fine una festa per il popolo lucano e un momento di riflessione per il futuro; un futuro non legato minimamente al nucleare ma proiettato alla tutela del territorio, ad un nuovo paradigma energetico pulito, rinnovabile e alla portata di tutti e ad un nuovo modello economico al netto di meccanismi finanziari criminali, lontano dal fallimentare mercato tradizionale ma più vicino alla Terra e alla sua bellezza e la Basilicata ha un capitale iniziale non indifferente.

MOSTRA FOTOGRAFICA SUL VANGELO SECONDO MATTEO

Fotografie in bianco e nero su personaggi e scene che caratterizzeranno 50 anni fa a Matera, nei rioni Sassi e sull’altipiano murgico, il film di Pierpaolo Pasolini “Il Vangelo Secondo Matteo’’ possono essere ammirate dal 17 al 22 marzo nella mostra tematica“Omaggio a Pier Paolo Pasolini- Il Vangelo Secondo Matteo’’ nella sala convegni della Camera di commercio . L’evento rientra nel programma “Matera Basilicata Cantiere Cinema’’, che affianca i lavori del consiglio di amministrazione dell’ European Film Academy (Efa), che si terrà nella Città dei Sassi dal 20 al 23 marzo. Si tratta di 30 scatti realizzati per gran parte dallo scrittore, giornalista Domenico Notarangelo che fu anche attore nel film e consulente del regista friulano, e da altri eseguiti del fotografo di scena Angelo Dovi. La mostra, curata dall’Associazione culturale materana Pier Paolo Pasolini, può essere visitata gratuitamente dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e il martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.00. Per l’occasioni sono stati collocati, davanti all’ingresso della Camera di commercio, alcuni totem esplicativi sulla esperienza di Basilicata terra di cinema. Dopo la vetrina materana le foto della mostra verranno esposte a San Pietroburgo (Russia). “ La mostra -ha detto il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli- rappresenta uno dei momenti di maggiore interesse di una settimana intensa sul mondo del cinema e lo conferma la presenza per la prima volta in Basilicata dell’European Film Academy,che raggruppa oltre 3000 tra registi, produttori, attori. Per Matera per la nostra regione è una grande opportunità di promozione e di crescita di un settore che vanta professionalità e set naturali, in grado di portare valore aggiunto all’economia locale. L’omaggio al film Il Vangelo Secondo Matteo, girato a Matera 50 anni fa, apre una ulteriore finestra sulle grandi produzioni in grado di far conoscere e cogliere gli aspetti culturali e ambientali di una terra antica’’. E con la mostra sul “Vangelo Secondo Matteo’’ appassionati, cittadini e turisti potranno ammirare fino al 22 marzo foto, attrezzature e altri simboli del mondo del cinema nelle vetrine del Centro allestite con l’apporto di Confcommercio e Confesercenti. Presso il Vicolo Cieco di via Fiorentini, nel Sasso Barisano,si può assistere con inizio alle 21.00 alla la rassegna ‘’Proiezioni e interazione’’, l’incontro con i filmaker locali promosso da Rete Cinema Basilicata. Matera 16 marzo 2014

Il 4 ottobre CoderDojo alla Pascoli

 

cdmt-e1401575654177

Si chiama coderDojo. In altri termini è una palestra per piccoli programmatori di computer. Un modo originale e divertente per avvicinare i bambini a un uso corretto del pc. L’idea è nata sulla Community di Matera 2019: progettare e realizzare il primo Coder Dojo nella Città dei Sassi. Il primo CoderDojo Matera si è tenuto il 23 Maggio 2014 coinvolgendo 15 bambini e 10 adulti e si è tenuto a unMonastery presso il Palazzo del Casale, per volere del Comitato Matera 2019. E’ stato tenuto da Carmelo Presicce del CoderDojo di Bologna. Il prossimo, ancora più grande, si terrà sabato 4 ottobre alla scuola Pascoli, nelle due sedi di via Lucrezio e via Lazzazzera. La mattina sarà rivolto agli studenti delle terze, quarte e quinte classi elementari della Pascoli. Il pomeriggio, nella sede di via Lazzazzera, sarà aperto a tutti gli studenti delle medie della città.

“Matera – afferma l’assessore comunale alla Pubblica istruzione, Flores Montemurro – si sta sempre di più posizionando come città aperta all’innovazione e al futuro grazie anche alla candidatura a capitale europea della cultura. Non è un caso che nei prossimi giorni ci sia anche il CoderWeek – la settimana della programmazione, che anticipa la riforma
della scuola per il prossimo anno scolastico con l’introduzione obbligatoria dell’ora di Coding. Matera sta anticipando questo processo. Crediamo molto nell’utilità di questa iniziativa perché serve a preparare le nuove generazioni ai nuovi modelli didattici che utilizzano la tecnologia per il trasferimento dei saperi”.

“Si tratta – afferma il direttore del Comitato Matera 2019 – di una straordinaria occasione per sviluppare nuove competenze. Nel dossier di candidatura parliamo di abitante culturale. Crediamo che questa iniziativa si inserisca perfettamente nel percorso formativo degli abitanti culturali che devono sempre di più essere pronti e aperti alle sfide del futuro”.

CoderDojo è un movimento senza scopo di lucro che si occupa di istituire dei club e organizzare incontri gratuiti per insegnare ai giovani a programmare. Nato in Irlanda nel 2011, si rivolge a bambini e adolescenti e si sta espandendo a livello globale. CoderDojo promuove l’utilizzo del software open source e gratuito e dispone di una forte rete di soci e volontari a livello globale. CoderDojo ha una sola regola: ”Above All: Be Cool“, bullying, lying, wasting people’s time and so on is uncool. (Soprattutto sii in gamba! Il bullismo, mentire e far perdere tempo non è da persone in gamba).

Palazzetto del Casale, via Fiorentini, Sasso Barisano – 75100 Matera

www.matera-basilicata2019.it

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

SCUOLA E IMPRESA, PROROGATO AL 20 SETTEMBRE BANDO BORSA STUDIO F.P CALCULLI

Riaprono le scuole e cresce l’interesse per quelle iniziative che possono stimolare l’attenzione degli studenti su opportunità che possono contribuire a valorizzare attività e personaggi che, con il loro esempio e impegno, hanno fatto la storia dell’economia materana. La Camera di commercio di Matera ha deciso di prorogare fino al 30 settembre 2014 i termini per partecipare al concorso per l’assegnazione di una borsa di studio, dedicata a Francesco Paolo Calculli, scomparso nel 2013. I concorrenti dovranno elaborare uno studio sul tema: “Progetto di promozione per gli esercizi commerciali di Matera e del suo territorio connesso alla candidatura di Matera a capitale della cultura 2019. L’iniziativa, promossa dai figli Angelo e Antonio, è stata voluta per mantenere viva la memoria dell’imprenditore materano che si è distinto per la sua costante ed ininterrotta attività commerciale. L’importo della borsa di studio è di 3000 euro. La partecipazione alla selezione, riservata agli studenti delle scuole medie superiori, è disciplinata da un Regolamento, che può essere visionato e scaricato sul sito www.mt.camcom.it. “Imprenditoria – ha detto il presidente della Camera di commercio,Angelo Tortorelli- e percorso di candidatura di Matera a capitale europea della Cultura per il 2019 sono temi di stretta attualità, che coinvolgono la scuola e il futuro di questo territorio. Per gli studenti la borsa di studio dedicata a Francesco Paolo Calculli è una opportunità stimolante per contribuire con un elaborato , e con proposte, a inserirsi in questo percorso. E Matera ha bisogno di coinvolgere i giovani , che rappresentano il futuro della città’’. Matera 15 settembre 2014

Inquinamento torrente jesce

 

 

 "Siediti sulla riva del fiume ed aspetta, prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico" dice un vecchio detto. Nel nostro caso il cadavere è il fiume stesso, e non c'è bisogno di aspettare. Lo spettacolo si ripete ciclicamente e sempre con maggiore frequenza.       CIMG8694

Tornano alla ribalta della cronaca le immagini dell'inquinamento del torrente jesce il cui letto attraversa i terreni di Altamura e Matera. Questa mattina Rocco, un escursionista materano, si è trovato davanti ad una scena raccapricciante. Per l'ennesima volta le acque del torrente risultavano coperte da una schiuma che al solo guardala dava il senso di paura per la vita che scorre e si affaccia su quelle rive. La causa non ci è dato sapere quale sia. Certamente arriva dalla provincia limitrofa. Il nostro amico si è armato di pazienza ed ha messo in funzione gli strumenti che aveva a disposizione per documentare l'avvenimento. I video che ci ha inviato hanno lasciato perplessi anche noi della redazione de ilmiotg.it e, guardando le immagini, ci siamo posti alcune domande: possibile che non si possa intervenire a tutela della salute pubblica? di chi è la colpa? chi non interviene e perché?

Il filmato mostra il torrente jesce in prossimità di località tre ponti e lo "iurio" nei pressi dei sassi di matera, dove alcuni decenni fa le donne materane attingevano l'acqua e dove i giovani facevano anche il bagno. Questo vuol dire che non è sempre stato così, qualcosa è cambiato negli ultimi anni.

In passato ci siamo già occupati della vicenda e di seguito trovate alcuni link

 

  1. Inquinamento Jesce. Abiusi scrive a Vendola

    (Notizie/Ambiente)

    ... nasceva in Puglia l’inquinamento del torrente  Jesce ed infatti il Torrente Gravina di Matera, per il tratto a monte della confluenza con il Torrente Jesce, presenta valori di inquinanto al di sotto ...

  2. Inquinamento dello Jesce: il perseverare dell'inerzia

    (Notizie/Ambiente)

    ... ha richiesto incisivamente l’attivazione di un intervento immediato per la soluzione dell’annosa questione relativa all’inquinamento del torrente Jesce, causato dal non funzionamento dell’impianto di ...

  3. Inquinamento della Gravina. Pericolo ignorato dalle istituzioni

    (Notizie/Ambiente)

    L'acqua fonte di vita. L'acqua causa di morte. A Matera l'acqua è fonte di morte. Basta affacciarsi da porta pistola per vedre la gravina ed il torrente che scorre in basso per verificare quanto detto. ...

  4. Inquinamento di Matera

    (Notizie/Ambiente)

    Guarda il video. Domenica. Come sempre accade in questo giorno della settimana, ma anche tutte le sere, il torrente iesce si riempie di schiuma. Sembra che quando la sorveglianza si riduce, la schiuma ...

  5. Gravina di Matera: e invece No è tutto a posto, secondio l'assessore Mancusi.

    (Notizie/Ambiente)

    ... De Filippo Oggetto: gestione delle acque reflue nel torrente Gravina di Matera Egregio Presidente, il novello assessore con delega all’ambiente nonché vice presidente della giunta regionale punta, ...

  6. Gravina di Matera per una volta son tutti d’accordo: non è tutto a posto?

    (Notizie/Ambiente)

    ... sarà qualcuno che si ricorderà del depuratore di contrada Sgarrone sito in agro di Altamura che inquina lo Jesce e che a sua volta si riversa nel torrente Gravina ed infine arriva nel Badano? Il Governatore ...

  7. bonifica torrente Gravina-Jesce

    (Notizie/Ambiente)

    ... Presidente dell’Ente Parco Murgia Via Sette Dolori 10 75100 Matera Oggetto: bonifica torrente Gravina-Jesce I torrenti Jesce e Gravina ...

  8. Alcune domande sull'ambiente ai candidati Sindaci di Matera

    (Notizie/Ambiente)

    ... dall’inquinamento, ci sono documenti che in maniera incontrovertibile lo dimostrano. Il torrente Jesce che bagna Altamura e che si riversa nel Gravina attraverso lo Jurio è inquinato; è stato, ...

  9. Legambiente in piazza “racconta” l’inquinamento del torrente Gravina

    (Notizie/Ambiente)

    ... di Altamura, gli scarichi proseguono fino al torrente Jesce, quindi confluiscono nel torrente Gravina per poi arrivare nel fiume Bradano e sfociare, infine, in mare a Metaponto. Ma gli scarichi continuano ...

  10. "Una storia di merda": ennesimo blitz di Legambiente sull'inquinamento del torrente Gravina

    (Notizie/Ambiente)

    Ennesimo blitz organizzato dal circolo Legambiente in piazza Vittorio Veneto a Matera per riportare l'attenzione sull'intollerabile livello di inqinamento del torrente Gravina e del suo affluente ...

  11. Inquinamento torrente jesce

    (Notizie/Ambiente)

    Il torrente jesce è inquinato. La causa è da ricercare nel territorio di Altamura. Il presidente dell'Ente Parco della Murgia Materano, Roberto Cifarelli, prende posizione e chiede la collaborazione ...

  12. PARCO DELLA MURGIA MATERANA AD ALTAMURA: SALVARE IL TORRENTE JESCE

    (Notizie/Ambiente)

    ... comune nel torrente Jesce. "L'appuntamento con coloro che volessero partecipare alla manifestazione è per lunedì alle ore 9.30 presso la stazione di Villa Longo di Matera"-scrive in una nota il ...

  13. SALVIAMO IL TORRENTE JESCE

    (Notizie/Eventi e spettacoli)

    Domenica 23 novembre 2008 Jazzo Gattini Ore 9.30 passeggiata didattica Il torrente Jesce che nasce in territorio di Altamura ha la sua parte terminale nel Parco della Murgia Materana immettendosi ...

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information