braicoCon il suo consolidato slogan “Non Solo Sassi…”, il Gal Bradanica si è presentato a Madrid per promuovere e valorizzare il patrimonio rupestre dei sei Comuni della collina materana (Montescaglioso, Miglionico, Pomarico, Grottole, Grassano, Irsina) adeguatamente abbinati alla Città dei Sassi, in un importante ed innovativo progetto di cooperazione transnazionale da candidare nell’ambito dell’iniziativa comunitaria Leader Asse IV. Nella Red de Desarollo Rural, sede della Rete Leader spagnola, situata nell’elegante Barrio del Passeo del Prado, il Gal Bradanica, dodici Gal spagnoli, due Gal francesi, i rappresentanti dei Ministeri  del Territorio e dell’Ambiente di Marocco e Algeria si sono incontrati venerdì 20 marzo per programmare, in maniera congiunta, le attività del progetto “El Patrimonio Trogloditico” e per pianificare la creazione di  una Rete turistica tematica transnazionale che vede nel patrimonio rupestre e nella cultura rurale dell’area mediterranea le direttrici principali per la valorizzazione, a fini turistici, dei rispettivi territori.
Il Gal Bradanica, rappresentato dal Presidente Leonardo Braico e con il supporto del consulente di marketing turistico Giuseppe Lalinga, è stato accolto con entusiasmo nella capitale iberica, ricevendo dai partner un ruolo di primaria importanza all’interno del progetto. << Al nostro Gal  - ha dichiarato il Presidente del Gal Bradanica Leonardo Braico - è stato affidato un importante ruolo di coordinamento per la redazione di un manuale sul recupero e la valorizzazione dei siti rupestri, di assistenza tecnica per le azioni di comunicazione e commercializzazione turistica e di raccordo e coordinamento per l’ ampliameno del partenariato italiano ad altri soci cooperanti (Gal) e collaboranti (Istituzioni ed associazioni)>>. 
<<La nostra idea - progetto ha relazionato durante l’incontro Giuseppe Lalinga - è quella di creare, un’ identità territoriale a forte vocazione turistica – culturale,  per “trasformare” la cultura rupestre, la natura, gli usi e i costumi delle zone rurali in esperienze turistiche ricche di appeal per il consumatore turistico moderno. Il secondo step sarà, invece,  quello di coinvolgere direttamente i professionisti della distribuzione turistica; in questo modo si riuscirà a commercializzare l’area mediterranea a prezzi competitivi; in questa fase, per favorire interscambi di flussi turistici tra i territori cooperanti, saranno anche previste speciali offerte promozionali >>. L’idea - progetto del Gal materano ha trovato il placet positivo dei Gal spagnoli e francesi che hanno evidenziato il ricco patrimonio rupestre di Matera e del suo hinterland ed apprezzato i positivi risultati conseguiti dal Gal Bradanica nei progetti di valorizzazione e promozione turistica sperimentati nella precedente programmazione Leader +, tra cui “Itinerari rupestri del Bradano” inseriti nelle buone prassi dell’Unione Europea e il progetto di cooperazione transnazionale MAP (Moving around provinces>). <<Avere come partner il Gal Bradanica - ha dichiarato Juanjo Manrique Lopez direttore del Gal andaluso Comarca de Gaudix - ed una destinazione turistica come Matera città simbolo della cultura rurale, che da anni sta lavorando per la valorizzazione di chiese ed insediamenti rupestri accresce la qualità del partenariato e la forza attrattiva delle proposte turistiche tematiche che a breve presenteremo, così come suggerito dal nostro nuovo partner italiano, alla domanda turistica internazionale>>.        
Nell’esprimere la sua soddisfazione il Presidente Braico ha confermato la volontà e l’impegno del GAL Bradanica e di tutti i Sindaci del territorio di coinvolgere nel progetto non solo altri Gal italiani ma anche l’Amministrazione Provinciale di Matera, le associazioni culturali ed ambientali e l’APT Basilicata per le azioni di promo – commercializzazione.
A tal proposito – afferma il direttore Nicola Raucci -  inizieremo, nelle prossime settimane, a programmare una serie di incontri per coinvolgere il maggior numero possibile di operatori pubblici e privati, in quanto il progetto, in considerazione della qualità del partenariato e di un approccio orientato al benchmarking, rappresenta un’interessante opportunità di crescita sia per gli enti locali che per gli operatori turistici del nostro  territorio>>.
<< Grazie al nuovo programma Leader - continua Braico – le azioni  in cantiere rappresenteranno un ulteriore tassello in grado di arricchire l’offerta turistica regionale di nuovi ed interessanti prodotti turistico - culturali ad integrazione ed a supporto dei prodotti – aree, maturi o trainanti (le cosiddette 4 EMME ben individuate nel Piano Turistico Regionale) per incrementare, negli anni a venire, il trend positivo di un aumento di arrivi e presenze nella nostra Regione e per sviluppare nelle aree rurali un turismo sostenibile e responsabile in grado di migliorare la qualità della vita delle popolazioni residenti. Sono certo – conclude Braico – che il presente progetto potrà rappresentare un valido strumento anche in vista dei PIOT (Pacchetti integrati offerta turistica) per creare partenariati tra pubblico e operatori privati capaci di promuovere e commercializzare nel mercato globale le nostre risorse territoriali e culturali. Spero che,  nei tempi programmati, l’Autorità di Gestione del Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata approvi i Piani di Sviluppo Locale dei Gal per passare, in concomitanza con gli altri partner, dalla fase progettuale a quella operativa>>.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information